Cancellare la "Fatal Verona"L'obiettivo del Catania è ribaltare l'umiliante 0-4 dell'andata

Domenica 6 marzo 2005 alle 15:00 all’Angelo Massimino di Catania si affronteranno per la 39a volta il Catania Calcio 1946 e il Verona Hellas Football Club. La scorsa stagione, la partita è finita 1-1. Il 14 settembre 2003 Matricciani e Colantuono schierarono: Concetti, Diliso, Stendardo, Monaco, Giallombardo, Fini (63′ Šedivec), Grieco, Firmani, Mascara (90′ Sturba), Oliveira, Della Rocca (50′ Nygaard). Le reti furono segnate da Salvetti (18′) e Oliveira (29′ su rigore). Nella prima partita in casa (il 12 marzo 1950) il Catania si è imposto per 2-1: gli uomini di Klein (Goffi, Piram, Messora, Brondi, Zucchelli, Fusco, Romani, Garavoglia, Porcelli, Gavazzi, Prevosti) segnarono con un’autorete di Bosio (12′) e Serafino Romani (13′), per poi subire il goal della bandiera di Pozzani all’80’.
L’ultima vittoria dei padroni di casa risale al 2 marzo 2003, quando conquistarono un 2-1: Castellazzi, De Martis, S. Monaco, Kiriazis, Mirri, Fini (90′ Gatti), Grieco, Colasante, Iacopino (46′ Martusciello), Oliveira (22′ Possanzini) e Taldo erano allenati da Reja e segnarono con Taldo (48′) e Oliveira (57′ su rigore). Il Verona segnò con Minelli al 75′. L’ultima vittoria veronese è del 2 settembre 1984: 3-2 a Siracusa in Coppa Italia. Segnarono Galderisi (28′), Franco Ermini (30′), Di Gennaro (41′), Tricella (77′) e Luvanor Donizete (87′). In campionato, Catania-Verona 0-1 del 23 ottobre 1983 è l’ultima sconfitta casalinga del Catania. All’andata i veronesi si imposero 4-0 con reti di Italiano, Bogdani, Cossu e Adailton. Il Catania del primo dopoguerra ha incontrato i gialloblù in sei occasioni (stagioni 35-36, 36-37 e 39-40).
L’unico ex rossazzurro a Verona è Luigi Pagliuca (9 presenze l’anno scorso). A Catania non giocano ex veronesi.
Partita orientata verso il pareggio: il Verona da tempo naviga in alta classifica (malgrado l’ultimo passo falso in casa con l’Ascoli), il Catania potrebbe subire un contraccolpo psicologico dalla sconfitta di Trieste.

Il 17 porta sfortuna: 1-3 a TriesteLa 17esima partita di Nedo Sonetti coincide con una brutta sconfitta

Ieri pomeriggio il Catania ha perso 3-1 allo stadio Nereo Rocco di Trieste: l’unica rete rossazzurra è arrivata al 61′ con Matteo Serafini che ha deviato in rete una respinta di Pianu (gli altri goal sono firmati da Munari al 17′, Pianu al 33′ e Godeas all’87’). Sono stati circa 6000 gli spettatori dell’incontro.
Questa è la nona partita tra le due formazioni disputata in Friuli, la 18a in totale. È la prima volta che la Triestina vince 3-1, anche se tra i precedenti figura un 4-1 della stagione 1957-58.
Nedo Sonetti ha schierato: Pantanelli, Silvestri, Bianco, César, Manfredini, Anastasi, Menegazzo (56′ Cardinale), Padalino (69′ Pellè), Serafini, Russo, Jeda. Per quanto riguarda questo campionato, Anastasi e Russo sono arrivati a 20 presenze, Jeda, Pellé e Silvestri a 5. 80a partita in totale in campionato per Russo, 30a partita ufficiale per Pantanelli.
La rete segnata da Gianni Munari è la 700a subita dal Catania in Serie B in trasferta. La 600a è stata quella segnata da Napoli in Messina-Catania 1-1 del 17 maggio 1987.
Appuntamento a domenica prossima: arriva il Verona al Massimino.

Percorsi etici, artisti a confronto

Al via la seconda edizione di “Percorsi etici. Confronto generazionale tra figurativo, informale, astratto”. Una collettiva d’arte contemporanea organizzata dall’Assessorato alle Politiche Culturali della Provincia Regionale di Catania, in collaborazione con l’Associazione Spazio Vitale in e l’Azienda Provinciale Turismo presso la Galleria d’Arte Moderna e Centro Culturale “Le Ciminiere”. Approfondisci

A caccia del successo in Venezia GiuliaContro la Triestina dell'ex Tesser si spera in un altro risultato positivo

Domenica 27 febbraio 2005 alle 15:00 allo stadio Nereo Rocco di Trieste si incontreranno per la 18a volta la locale Triestina Unione Sportiva Calcio e il Catania Calcio 1946.
L’anno scorso il confronto si è concluso 0-0: era la prima partita in trasferta del presidente Nino Pulvirenti e i tecnici Colantuono e Matricciani schierarono: Mancini, Zoppetti, Stendardo, Terra, Padalino, Montervino (85′ Fini), Delvecchio, Béhi, Giallombardo (77′ Fusco), Mascara, Berrettoni. La prima partita è stata disputata il 14 novembre 1954 e si concluse 1-1: segnarono lo storico capitano Nicola Fusco al 56′ e Secchi al 63′.
L’unica vittoria rossazzurra è datata 7 giugno 1987: finì 1-0 con rete di Walter Allievi, ma il Catania retrocesse ugualmente in serie C1 due domeniche dopo. L’ultima sconfitta è l’umiliante 0-4 del 26 ottobre 2002: Graziani e Pellegrino schierarono Iezzo, Fusco, Sasà Monaco, Zeoli, Del Grosso, Fini, Grieco, Gatti (73′ Martusciello), Possanzini (57′ Cordone), Bucchi (50′ Mendil), Oliveira. Segnarono Fava (doppietta), Gentile e Baù.
All’andata il match si è concluso 2-1 per i rossazzurri (prima vittoria in casa in serie B): reti di Bruno, Munari e Baggio. Il Catania del primo dopoguerra non ha mai incontrato i giuliani.
La Triestina è allenata dall’ex difensore rossazzurro Attilio Tesser, 85 presenze e 4 reti dal 1986 al 1989. Michelangelo Minieri (21 presenze nel 2001-2002) e Massimo Tarantino (33 presenze e 1 rete dal 1986 al 1989) sono gli unici ex rossazzurri tra i calciatori biancorossi. A Catania non giocano ex triestini.
La Triestina è in caduta libera e si avvicina sempre di più alla zona play-out, quindi i lanciati rossazzurri potrebbero centrare almeno il pareggio.

Sfatato il tabù ascolano: il Catania vince 2-1!Buona vittoria dei rossazzurri, in serie utile da 6 partite e ora ottavi

Ieri pomeriggio allo stadio Del Duca di Ascoli Piceno il Catania ha vinto per 2-1 contro la formazione locale: per i bianconeri ha segnato al 36’… Paolo Bianco, che ha realizzato un’autorete dopo un tiro di Corallo respinto da Armando Pantanelli; il pareggio è arrivato al 63′ su rigore, con Jeda che trasforma dopo il fallo di Cudini su Matteo Serafini; conclude lo stesso Serafini all’88’ con assist di Jeda. Poco meno di 5000 i tifosi presenti sugli spalti.
Era la 24a partita tra le due formazioni, la 12a disputata nelle Marche. È la prima volta che il Catania vince ad Ascoli Piceno, ma ha già vinto per 2-1 in casa il 18 febbraio 2001 (reti di Davide Cordone al 51′, Alessandro Ambrosi al 72′ (su rigore) e Fontana al 78′ (sempre su rigore).
Questa la formazione schierata da Nedo Sonetti: Pantanelli, Lo Monaco, César, Bianco, Manfredini, Anastasi, Menegazzo, Padalino, Serafini, Jeda, Pellé (50′ Russo). 25a presenza in campionato per Bianco; 5a per César. Secondo gol per Serafini e Jeda.
I rossazzurri sono in serie positiva da 6 turni: è il record stagionale, non accadeva dalla stagione 2001-2002, quando la squadra rimase imbattuta tra la 21a e la 26a giornata.
Appuntamento a domenica prossima, con l’incontro Triestina-Catania al Nereo Rocco di Trieste.