Il Catania in Serie A – 1a puntata

DiRoberto Quartarone

Giu 2, 2006

Incominciamo con la lista delle statistiche stagionali del Catania: i record e le statistiche, rapportate come sempre al passato, le curiosità, i personaggi… Nella prima puntata iniziamo dall’evento in se stesso: la promozione!

La formazione di Catania-AlbinoLeffe 2-1Il Calcio Catania ha conquistato la 12a promozione della sua storia, la 10a sul campo, la 15a comprendendo quelle della SS/ACF Catania. Per la seconda volta (!) la promozione arriva dopo una partita a Catania: era già successo solo nel 1998-1999 in occasione di Catania-Juveterranova 1-1. Nel 1933-1934 il Catania salì in Serie B dopo la vittoria casalinga contro la Biellese, ma non era il Club Calcio!
È la quinta promozione dalla Serie B alla Serie A, la prima conquistata a Catania: precedentemente la squadra era stata promossa in A dopo lo 0-0 a Como (1953-54), l’incredibile sconfitta per 4-2 a Brescia (1959-60), il 3-1 conquistato a Reggio Calabria (1969-70) e lo 0-0 contro la Cremonese negli spareggi di Roma (1982-83). Questi sono i quattro tabellini di quelle splendide promozioni:

I tabellini

Maurizio Anastasi è il 13° giocatore a conquistare una doppia promozione con la maglia del Catania: era già successo a Fusco, Seveso (l’unico due volte in A), Labrocca, Morra, Sorrentino, Mignemi, Belnome, Bonanno, Corrente, Cristaldi, Sparti e Monaco.
Pasquale Marino invece è il quarto tecnico ad aver portato il Catania ad una promozione dopo averla conquistata anche da giocatore: segue a ruota Lorenzo Barlassina (in B nel 1979-80 da centrocampista, nel CND, ma non sul campo, nel 1993-94 da tecnico), Piergiuseppe Mosti (in A nel 1982-83, da difensore, in C2, ma venendo sostituito da Busetta prima della fine del campionato, nel 1994-95 da tecnico) e Maurizio Pellegrino (in C2 nel 1994-95 da centrocampista e in B nel 2001-02 da tecnico con Francesco Graziani). Ma è l’unico che lo ha fatto senza se e senza ma: ha conquistato la promozione sul campo, guidando la squadra dal precampionato alla fine e da solo.

Se includiamo anche l’SS e l’ACF Catania i giocatori con una doppia promozione diventano 14: si aggiunge Cocò Nicolosi salito in B nel 1934 e nel 1949. Come allenatori, vanno aggiunti Giovanni Degni e Carmelo Di Bella, che hanno conquistato la promozione da giocatori rispettivamente nel ’34 e nel ’39 e da allenatori nel ’39 e ’49 Degni (sostituito da Messora e poi da Banas) e nel ’60 Di Bella.

Il Catania quest’anno ha sfatato il tabù del secondo posto: fino ad ora, nelle quattro promozioni, aveva vinto il campionato ’54 ed era arrivato terzo (considerando la differenza reti) nel ’60, ’70 e ’83. E, stranissimo ma vero, il Catania non è mai arrivato al secondo posto in classifica da solo: nel 1977-78, anno dello spareggio-promozione perso contro la Nocerina, i rossazzurri di Matteucci arrivarono primi e furono secondi solo in virtù dello spareggio; nel 1969-70 il Catania arrivò secondo ex-aequo con il Foggia, che aveva però una migliore differenza reti…

Roberto Quartarone