Calcio Violento: come stanno le cose…

Perchè? Perchè tutta questa malvagia, in fondo era una partita!
COME STANNO LE COSE
Avete visto lo schifo di ieri? Ci riporta indietro di un secolo, quando i briganti facevano della guerriglia il loro manforte, tanto da suscitare scalpore nell’ancora primitivo insieme di staterelli italiani. Ieri sembrava di essere tornati indietro nel tempo, ma con la consapevolezza che quelle menti, lasciatemi dire diaboliche, erano supportate da bombe e strumenti di morte moderni. Provate a mescolare tutto ciò; ne esce fuori una miscela esplosiva di ignoranza, illegalità, deficenza, rispetto verso le istituzioni e semplicemente rispetto verso la vita! Mi correggo, ieri forse non c’erano dei briganti del nuovo millennio a combattere contro le forze dell’ordine, quelli sembrano proprio degli uomini primitivi in abiti moderni. Vedere con quale foga si battessero fa quasi pensare a virtuosi, medievali valori, peccato che non sia cosi. Forse dimentichiamo che quelli dovrebbero essere semplicemente dei tifosi. Ma questi “tifosi” sono fuori dallo stadio e non sembrano tanto interessati all’avvenimento sportivo, anzi quei “valori” che seli animano sono cosi forti da spingerli a spaccare vetrate, lanciare bombe carta, distruggere tutto quello che incontrano (impossibile non pensare al re degli Unni, Attila). Purtroppo credo di conoscere anche lontantamente qualcuno dei “deviati” e dico purtroppo perchè me ne vergogno. Ebbene, questi emeriti cretini, non solo non si pentono di quanto fanno, ma hanno una sorta di carriera delle imprese teppistiche compiute. Come una sorta di classifica a punti dove chi devasta di più è più rispettato e chi fa davvero male, chi danneggia tutto e tutti è quasi osannato! Incredibile ma vero!! SOLO SGOMENTO! Null’altro da aggiungere.

Cirino Cristaldi