Basket, B1/f: 2094-Rainbow 62-58

DiRoberto Quartarone

Feb 13, 2008

La Rainbow sfiora la vittoria contro la 2094 Civitavecchia: migliorano ancora le ragazze catanesi.

2094-Rainbow 62-58
Palazzetto di Civitavecchia, 10 gennaio, 16:00

2094 Civitavecchia: Autore 1, Santi 2, Bistarelli 2, Longo 1, Onorato 23, Maselli n.e., Persichillo 7, Busso 13, Cianfanelli 13, Tancredi. All.: Panunzio.
Rainbow Catania: Puglisi 10, Ferlito 8, Gambino 6, Felice 29, Manganaro 5, Buscema, Cutugno n.e., Cappellone n.e., Saporito, Grosso n.e.. All.: Di Piazza.
Parziali: 18-12; 34-28; 43-49; 62-58.

La sfortunata compagine catanese ha mancato per la seconda volta consecutiva la grande impresa contro la 2094 di Coach Panunzio, solo per pochi punti di scarto sul rush finale, dopo una partita dai forti toni agonostici, combattuta a testa alta e denti stretti per tutti i 40 minuti di gioco. Complici anche alcune decisioni arbitrali molto discutibili che hanno visto uscire Puglisi per 5 falli nei momenti decisivi dell’incontro, alla quale è stato fischiato un inesistente fallo sul blocco in movimento, e il Civitavecchia andare in lunetta portandosi negli ultimi secondi a più 4 sulla Rainbow, che ha praticamente avuto in mano le redini dell’incontro fino a quel momento, mantenendo un distacco sulle padrone di casa anche più dieci punti, fino pochi istanti prima della sirena finale.

Molto rammarico in casa rossazzurra, anche dopo una prestazione di Felice che non può passare inosservata. 29 i punti per lei, 15 rimbalzi, 9 palle recuperate, 2 contropiedi realizzati, un assist, tanta determinazione, ottima difesa, così narra il suo scout; supportata da una Puglisi, che pur non essendo nella migliore delle sue giornate, porta a casa un bottino di 10 punti e un gran lavoro sotto le plance, per cercare di sfondare il muro laziale. Ma non è bastato. Dall’altro lato ha risposto una 2094 trascinata da un’ Onorato che si difende con i suoi 23 punti, seguita da Cianfanelli e Busso, che oltre ad una difesa pressante con la quale hanno ostacolato costantemenente le penatrazioni delle siciliane, fanno insieme 26 centri che hanno contribuito ad annullare la bella e rabbiosa prestazione della squadra di Di piazza. Una Di Piazza che alla fine del match ha fatto i colplimeti alle sue atlete, incoraggiandole per le prossime gare.

Meritata vittoria per il Civitavecchia che ritrova quel morale importante dopo due sconfitte, e che farebbe tanto bene alla Rainbow, che sta facendo il suo lavoro veramente in maniera impeccabile, come mai fino a questa parte del campionato, ma che non riesce a trovare la soddisfazione finale e i primi due importantissimi punti che si andrebbero ad aggiungere ai quattro ancora fermi dalla qualificazione alla poule promozione.

Il calendario per la Rainbow si presenta abbastanza favorevole adesso, non tanto per le squadre che deve incontrare, ma sicuramente per il fattore campo. Sabato incontrarà infatti in casa davanti al pubblico amico del Palagalermo Il Maddaloni, poi sabato 23 Febbraio di nuovo a Catania il big match contro il Monopoli, in attesa di andare in terra pugliese, a Bari, per cercare di fare lo sgambetto alla corazzata di Sivilli e Pastore. Gli inglesi direbbero a questo punto “fly down” Rainbow, ma sognare a volte fa bene, basta farlo con umiltà e in silenzio, visto che la classifica mai come ora è stata bugiarda.

Maria Luisa Lanzerotti