Basket, C2/m: Vittorplastic-Gravina 78-85

DiRoberto Quartarone

Feb 4, 2008

Grande prova della formazione di coach Lo Faro capace di recuperare in extremis una gara che fino a 3 secondi dalla fine del 4° periodo sembrava ormai appannaggio della formazione di casa.

Vittorplastic-Gravina 78-85 dts
Palestra di Vittoria, 2 febbraio, 18:30

Vittorplastic Vittoria: Damasco 2, Farruggio 27, Pozzo 16, Dorata 9, Distefano 2, Simola 8, Lombardo , Molè, Bellassai 12, Bellina 2. All. Curella.
Sport Club Gravina: Cavazza 15, Gulinello 23, Ganci 8, Porto 14, Marino 25, C. Gullotti, G. Gullotti, Cavallari, Minardi, Marino. All. Lo Faro.
Arbitri: Patti di Siracusa e Tarascio di Priolo.

I ragazzi dello Sport Club Gravina si presentano privi di Parrinello (sempre fuori causa), dell’infortunato Di Pasquale (presente in tribuna – insieme a Giovanni Papaleo – nelle vesti di tifoso) e del pivot Busi.

Il primo periodo è ben giocato da entrambe le parti. A rompere l’equilibrio (11 pari) ci pensano Cavazza che penetra e Ganci che ribadisce a canestro con una schiacciata perentoria. Tra i locali bella la prova di Pozzo che, spalle a canestro, mette in seria difficoltà il suo marcatore diretto (Ganci); tra gli ospiti, invece, si fa notare Porto per la sua marcatura quasi perfetta sull’esperto Farruggio (che nei primi 2 quarti realizza solo 5 p.ti). Finisce 18 a 11 per lo Sport Club.

Come accaduto già la settimana scorsa nel match con il Melilli, anche contro il Vittoria i ragazzi di Gravina giocano un pessimo secondo quarto e riescono a realizzare solo 8 punti a fronte dei 18 messi a segno dai vittoriesi (finale 26 a 29).

La grande confusione in attacco, le molte palle perse, la difficoltà a difendere sui tiratori e la grande prestazione di Pozzo (autore di 10 p.ti in 2 quarti) unita ai 7 tiri liberi sbagliati spiegano il recupero e poi il meritato vantaggio del Vittoria.

Dopo il riposo lungo ci si attendeva la grande reazione dei ragazzi di Gravina ma il trend di fatto non cambia. Al pareggio di Porto con una tripla in apertura rispondono subito Pozzo e Farruggio.

Non basta un generoso Francesco Marino che prova a dare la sveglia ai suoi con due penetrazioni vincenti. Continuano le difficoltà in attacco, aumentano le palle perse e di conseguenza anche il vantaggio del Vittoria sale a + 10 (52-42).

Nel quarto periodo il Gravina comincia a carburare in attacco e le penetrazioni di Marino, Gulinello e Porto costringono Pozzo e Di Stefano prima al 3° e poi al 4° fallo. A metà quarto si registra il migliore momento degli ospiti: la tripla di Gulinello e le penetrazioni di Marino e Porto riducono il vantaggio del Vittoria da + 12 a + 2.

Purtroppo però se qualcuno si attendeva un calo fisico degli esperti giocatori di casa aveva una spiacevole sorpresa. Infatti, prima Farruggio e poi Bellassai riescono a riportare il Vittoria in vantaggio di 10 punti a 2 minuti dalla fine.

Quando mancano 45 secondi e i locali hanno un vantaggio di 7 punti a coach Lo Faro non rimane che ordinare ai suoi il fallo sistematico.

Ai tiri liberi dei locali rispondono i ragazzi di Gravina con un paio di canestri che fissano il punteggio sul 69 a 67 per il Vittoria a 3 secondi dalla fine e con due tiri liberi a disposizione di Dorata per mettere il sigillo sul risultato.

Purtroppo per lui, però, il pur esperto giocatore di casa non riesce a realizzare neanche uno dei due tiri e quindi il Gravina ha la palla del miracoloso pareggio. Apertura per Cavazza che attacca il canestro e, sulla pressione di 3 giocatori del Vittoria, in arretramento, riesce a mettere dentro il canestro che vale i supplementari (69 a 69).

A questo punto i ragazzi del quintetto dello Sport Club vanno subito in vantaggio con Gulinello, due volte Marino e con l’indemoniato Cavazza (2 punti e T.L. realizzato). Si concretizza un vantaggio di 7 punti che verrà mantenuto per tutto il tempo supplementare fino a 10 secondi dalla fine quando coach Curella sportivamente ordina ai suoi di sospendere il fallo sistematico.

Punteggio finale 85 a 78 per i ragazzi del Presidente De Fino.

Migliori realizzatori Francesco Marino e Farruggio (entrambi con 27 punti).

Unica nota dolente lo scarso apporto dato dagli under dello Sport Club (6 su 11 convocati); probabilmente le molte partite giocate in questo periodo (Under 19 e Promozione) hanno consegnato alla prima squadra dei ragazzi “scarichi” e quindi poco lucidi e troppo nervosi.

Un plauso doppio quindi va ai ragazzi del quintetto che – a differenza di quanto accaduto in tutte le altre partite – hanno dovuto realizzare da soli tutti e 85 i punti necessari alla vittoria (Cavazza 14 – Gulinello 21 – Marino F. 27 – Porto M. 14 – Ganci 9).

Prossimo impegno per lo Sport Club Gravina domenica 10 Febbraio in casa contro l’AGS MESSINA in serie positiva da molte gare.

Addetto Stampa Sport Club Gravina