Basket, B2/f: Verga-Lazr 37-42

Secondo successo di fila per la Lazr Catania nella poule- promozione della serie B di basket femminile.

Verga-Lazr 37-42
PalaUditore di Palermo, 15 marzo, 16:30

Verga Palermo: Modica, Passerv, Lo Giudice 10, Vigliante 4, Scrima 5, DAmico, Cassata 4, Di Vita, Ciriminna 14, Pellegrino. Allenatore: Giacalone.
Lazr Catania: Parisi, Barbarossa, Pappalardo 4, Aleo 7, Anfuso, DAngelo 2, Licciardello, Formica 19, La Manna 5, Hristova 5. Allenatore: Aleksandrova.
Arbitri: Mul e Matragna di Alcamo.
Parziali: 9-8, 20-18, 30-33.

DECISIVA. Giorgia Pappalardo ha segnato il libero decisivo [LazrBasket.it].

La formazione rossazzurra viola il campo della Verga Palermo. Le etnee di coach Sashka Aleksandrova e dellassistente Giovanni Catanzaro, conquistano un successo molto importante per la classifica e per il morale, bissando la vittoria colta, nella scorsa giornata, contro il Partinico. Ottima la prova delle cestiste catanesi, che nonostante un arbitraggio un po troppo fiscale, riescono a gestire bene i momenti topici della sfida. La Lazr perfetta in fase difensiva, dove lascia solo le briciole alle palermitane.

Il match molto combattuto ed equilibrato. Il primo periodo si chiude con le padrone di casa in vantaggio per 9-8. Al riposo lungo, le locali del tecnico Giacalone conducono per 20-18. La svolta nel terzo quarto di gioco. Le rossazzurre entrano sul parquet pi convinte e piazzano un break di 15-10, passando avanti per 33-30.

In evidenza Alessandra Formica, che si fa valere sotto canestro nonostante le fatiche con lAll Star Game Under 15 a Mosca, e poi Giuliana La Manna, finalmente aggressiva e grintosa su ogni pallone, Hristina Hristova (14 rimbalzi catturati, 10 in attacco), Ileana Aleo, sempre sicura, Giorgia Pappalardo, autrice dellultimo importante tiro libero e capitan Stefania DAngelo, che fa girare a dovere la palla e la squadra.

Soddisfatta il tecnico Aleksandrova. E stata una partita combattuta e con un punteggio piuttosto basso- afferma il coach della Lazr Catania-. Le ragazze hanno lottato con la consueta generosit. Sono contenta per il successo e per la prova di tutte, soprattutto di Giuliana La Manna, che ha gettato tutto sul parquet, mostrando grinta e rabbia agonistica.

Umberto Pioletti