CUS ‘96 – CUS ‘95 35-20

DiComunicati

Nov 13, 2008

Signori si ricomincia… e si cambia (scusate). Tante le novità nel settore giovanile del Cus quest’anno. Troppe per qualcuno, tardi per altri. Così può accadere che il dirigente/giornalista faccia mancare i suoi articoli ai suoi ragazzi. Scusate il ritardo.

Nuova la composizione dei gruppi, nuovi per buona parte i tecnici (coach Vergani è passato a categorie superiori, Auguri!) e rinnovata anche la veste grafica del sito. Scusate se è poco.

Ambiziosi i programmi per i ragazzi. Avranno maggiore spazio grazie alla costituzione di più gruppi. Ambiziose anche le aspirazioni della Società che, dimostrando di fare sul serio, prima stringe il sodalizio con la Pallacanestro Catania e poi ha il coraggio di smontare realtà consolidate, dando prova di credere nel futuro suo e dei ragazzi, rispettando i programmi stilati qualche anno fa. Scusate la modestia.

L’occasione per ricominciare a scrivere è di quelle propizie. Al Palarcidiacono, gremito al punto che qualcuno già pensa ad una location più consona (Pala Cannizzaro, n.d.r.), si gioca il match di cartello della 6^ giornata del campionato di B2 e l’avversario è il Basket Massafra di coach Cantone (catanese DOC), premiato nel prologo dell’incontro con la consegna di una targa da parte del Presidente del Comitato provinciale F.I.P., Ing. Sangiorgi. E l’occasione non sfugge nemmeno ai solerti organizzatori. Così nel pre-partita va in scena il basket giovanile: gli U13 di coach Puglisi contro gli U14 guidati dai coach Lo Faro-Malagò. Due gruppi profondamente rinnovati, sia nella composizione (i ’95) che nella guida tecnica (entrambi). Due gruppi nei quali, senza differenze di sorta, ma finalmente insieme, tutti i ragazzi avranno uguali occasioni di crescita per loro e per la squadra. Nel primo quarto gli “strarting five” si equivalgono e l’equilibrio permane fino a metà gara quando si infortuna Eugenio “stopman” Cuccia. Così, nel terzo periodo la tecnica dei ’96 prevale sulla diminuita fisicità dei ’95, che subiscono un break di 8 punti. Il distacco aumenta nell’ultimo quarto e l’incontro si chiude con la vittoria degli Under 13 per 35 a 20.

Questi i parziali dei quattro periodi: 12-7; 2-6; 10-2; 11-5.
Eugenio “stopman” Cuccia e Diegone “papa” Fichera infortunati negli U14, Simone Sigillo (assente giustificato) e Davide Cannizzo infortunato negli U13, in due parole “fuori i lunghi”!! Purtroppo per tutti, nel caso di Diegone e Davide, non si tratterà di assenze brevi: la loro voglia di arrivare a 2 mt. li ha resi vittime di una sindrome impronunciabile, molto diffusa alla loro età. Faranno di tutto per tornare in campo prima possibile, ne siamo certi. Nel frattempo, troveremo il modo per non farli annoiare e, soprattutto, per tenerli in palestra. Minibasket, Under 13 e Under 14, amichevoli, tornei e campionati sono davvero troppo per un solo dirigente. Qualcuno ha bisogno di voi! Scusate il disturbo…

G. Ronza