La Sicilia al Trofeo delle Isole

testata

Questo fine settimana, dodici sedicenni affronteranno una lunga trasferta per portare alta la bandiera della Sicilia: inizia il Trofeo delle Isole.

LA RAPPRESENTATIVA SICILIANA AL TROFEO DELLE ISOLE

Federico Indiogine, play, 182 cm, S.C.Gravina
Damiano La Cognata, play, 181 cm, Fortitudo RG
Giovanni Occhipinti, play, 173 cm, Vigor S.C.C.
Orazio Ventura, guardia, 185 cm, Bk.Gela
Mario Vigilante, guardia, 180 cm, N.P.Palermo

Massimo Vigorita, guardia, 185 cm, Pall. Nebrodi
Emanuele Caiola, ala, 187 cm, Bk.Gela
Raimondo Moncada, ala, 190 cm, Bk.Empedocle
Luca Sgrò, ala, 195 cm, Pall.Nebrodi
Davide Tagliareni, ala, 188 cm, N.P.Palermo.
Mirko Frisella, pivot, 190 cm, C.Marsala
Alessio Lumia, pivot, 203 cm, N.P.Palermo.

Vito Ferrauto, allenatore
Giuseppe Sergi, accompagnatore

Riservato ai ragazzi nati nel ’93, questa competizione polisportiva che si tiene annualmente è dedicata alle rappresentative delle isole del Mediterraneo. Ovviamente, la Sicilia del basket si presenterà ai nastri di partenza con dodici atleti selezionati dalle migliori formazioni giovanili (a parte quelli ancora impegnati nei campionati d’Eccellenza), con l’allenatore Vito Ferrauto e l’accompagnatore Giuseppe Sergi. Proprio grazie a quest’ultimo, catanese e consigliere regionale della FIP, si è riusciti ad organizzare una domenica di allenamenti collegiali al PalaBattiati. Ferrauto, trentunenne, quest’anno ha allenato la Cestistica Marsala, formazione di Serie C2. «Mi sono occupato della prima squadra e delle giovanili, con cui ho partecipato al campionato regionale», ci spiega.

ferrauto
RESPONSABILI. Vito Ferrauto e Giuseppe Sergi, allenatore e accompagnatore della rappresentativa siciliana [Basket Catanese].

Come sono maturate le convocazioni?
«Questo è un gruppo formato sia da ragazzi che affrontano campionati d’Eccellenza sia da quelli che hanno partecipato al torneo regionale. Ci sono diversi giocatori del ’93 che ancora sono impegnati nelle fasi interzona d’Eccellenza, come quelli del Basket Trapani e della Virtus Ragusa, quindi non abbiamo potuto convocarli. Alcuni li ho incontrati io durante il campionato regionale o ho delle ricevuto segnalazioni, altri sono stati segnalati dal responsabile tecnico del CNA per la Sicilia, Ninni Gebbia, perché facendo il campionato d’Eccellenza ha avuto modo di visionarne di più.»

Tra quelli che conosci qual è il livello?
«Non ne conosco molti, ma con questo allenamento mi farò un’idea. Lumia e gli altri due di Palermo so che sono molto buoni, ovviamente anche Frisella che ho avuto a Marsala e un altro che ho incontrato come avversario. Individualmente, sono dei ragazzi che hanno delle capacità. Chiaramente, non si conoscono fra loro e dovranno cercare di fare gruppo e dare una forma di squadra, questo è l’obiettivo.»

squadra
INDICAZIONI. I responsabili danno le prime indicazioni alla squadra [Basket Catanese].

È la prima volta che ricopri questo ruolo?
«Come rappresentativa al Trofeo delle Isole sì, ma ho lavorato altre volte con la Federazione nelle selezioni provinciali e regionali.»

Cosa sapete del torneo?
«So che giocheremo contro le isole del Mediterraneo. Onestamente, non confrontandoci mai con questi avversari, non sappiamo che livello ci troveremo davanti. Sicuramente, la Sardegna è una grande isola e può essere al nostro stesso livello; se i migliori sono impegnati nei campionati d’Eccellenza avranno il nostro stesso problema. Malta è una bella realtà, ma non ha grandi numeri perché è piccola. Ma per esempio della Corsica e delle Baleari non sappiamo nulla… Ci andiamo a scatola chiusa, non sappiamo se fisicamente siamo adeguati. Credo che sia fondamentale lo spirito, noi andiamo là per vincere e fare un’esperienza. Servirà ai ragazzi per confrontarsi con realtà completamente diverse dalla nostra.»

Come vedi il livello dell’annata del 1993?
«Ho visto qualche partita d’Eccellenza e mi è parso abbastanza alto. Ci sono dei giocatori, anche fisicamente molto interessanti. Lumia è uno dei più interessanti, perché è nel giro dei dodici della Nazionale. Il livello è cresciuto. Il comitato regionale è riuscito ad organizzare due campionati d’Eccellenza e chiaramente ha permesso di migliorare il livello dei ragazzi perché la competizione è migliorata. Noi, che abbiamo fatto il campionato regionale, ci confrontavamo con realtà molto indietro rispetto a noi; senza competitività non ci può essere crescita.»

lumia
NAZIONALE. Alessio Lumia della Nuova Pallacanestro Palermo è nel giro della Nazionale di categoria [Basket Catanese].

Del gruppo, fanno parte due ragazzi nati nella provincia etnea, Federico Indiogine di Catania e Orazio Ventura di Caltagirone. Il primo gioca con una squadra catanese, lo Sport Club Gravina, mentre il secondo è tesserato per il Basket Gela.

Indiogine è stato una delle sorprese dell’ultimo campionato di Serie C2: play-guardia di 182 cm, soprattutto nel finale del campionato si è segnalato come uno dei giocatori più positivi. Come sei arrivato alla rappresentativa siciliana?
«Penso perché qualcuno mi ha visto giocare. Anche l’anno scorso mi sono allenato con questo gruppo, ma sfortunatamente non sono stato chiamato.»

Quindi quest’anno pensi di aver fatto una buona stagione?
«Sì, sì. Soprattutto in prima squadra.»

Sei soddisfatto dello spazio che hai avuto?
«Sì, Gianfranco Morelli mi ha fatto giocare molto, ho avuto molto spazio.»

È il tuo primo torneo internazionale?
«Quand’ero piccolo, con Carmelo Minnella, sono andato a Treviso con la rappresentativa provinciale, ma non più di questo. Solo gli allenamenti dell’anno scorso.»

indiogine
GRAVINA. Il gravinese Federico Indiogine è l’unico catanese insieme a Orazio Ventura [Basket Catanese].

Quali sono i tuoi obiettivi?
«Spero di diventare un giocatore di alti livelli.»

L’anno prossimo rimarrai a Gravina?
«Sì, sicuramente, e spero che avrò ancora più spazio. Nelle giovanili spero di ripetere le vittorie dell’anno scorso, quando siamo stati campioni provinciali e regionali.»

Mercoledì, il gruppo partirà per Palma di Maiorca e fino al 31 rimarrà nelle Baleari per giocarsi tutte le carte necessarie a portare a casa il trofeo.

Roberto Quartarone

Il servizio fotografico di Basket Catanese