Baskettopoli, chiuse le indagini

Pubblicati stralci delle intercettazioni su “Baskettopoli”… 41 indagati nell’inchiesta della procura di Reggio… Il pesce siciliano… Come si decidevano le sorti degli arbitri…

Reggio a Canestro ha riproposto gli articoli del quotidiano “Calabria Ora” in cui sono state rese pubbliche le trascrizioni di alcune intercettazioni nell’ambito dell’inchiesta su Baskettopoli. Rimandandovi ai link, vi facciamo un breve riassunto.

Cecina ed Empedocle avrebbero avuto la strada spianata in tre partite, almeno secondo i colloqui tra l’ex presidente degli arbitri Giovanni Garibotti, due arbitri e l’ex designatore di Serie B2 Massimo Cuomo. Il Cecina si sarebbe salvato contro il Montevarchi due stagioni fa grazie all’arbitraggio «ipercasalingo» del figlio di Garibotti e avrebbe vinto durante la scorsa stagione sull’Arezzo con la compiacenza dell’arbitro Rosi. Empedocle invece avrebbe vinto su Messina lo scorso anno (mandando come arbitri il «ragazzo d’oro» Ciccodicola e il «suo socio di merende» Santella) per aiutare il presidente agrigentino: Garibotti e Cuomo avevano ben presente quanto il pesce siciliano fosse buono.

La procura ha quindi chiuso l’inchiesta e 41 persone risultano indagate. Quattro di loro sono accusate di associazione a delinquere finalizzata all’abuso d’ufficio e alla frode sportiva. Gli altri, arbitri e commissari, avrebbero partecipato all’organizzazione pilotando i risultati delle partite (come nel caso della retrocessione del Montevarchi) e determinando la sorte di alcuni arbitri, attraverso i voti che decidono le promozioni e le retrocessioni a fine stagione.

L’attuale presidente della C.I.A., Luciano Tola, è stato intervistato da Mirella Molinaro, che gli ha fatto due domande fondamentali: perché alcuni indagati sono ancora sui campi e perché sono state respinte le richieste di reintegro di alcuni arbitri che sarebbero stati vittime del sistema nel 2007-08. «Dal nostro punto di vista – risponde Tola al primo quesito – queste persone sono state prosciolte dalla procura federale, per noi fa fede la giustizia sportiva finché non ci sarà un documento della procura reggina che ci informerà sulla situazione». A proposito della seconda domanda, Tola risponde che «Non avendo riscontrato irregolarità, noi abbiamo rigettato quei ricorsi».

Le intercettazioni relative ad un dialogo tra il responsabile dei commissari Giovanni Battista Montella e il commissario Graziano Monteleone rivelano invece come sarebbero stati “fatti fuori” quattro arbitri: Cagliostro, Costanzo, Iacomucci e Comito. Nell’intervista ad Alberto Iacomucci, ormai ex arbitro la cui passione «è stata uccisa» quando è stato messo alla porta, si legge: «Mi sarei aspettato altro, è impossibile dire che nelle stagioni 2006-’07 e 2007-’08 il sistema non esistesse anche perché da quello che emerge dall’inchiesta mi  sembra chiaramente il contrario».

R.B.C.

Vedi anche:
Tiri liberi – 9 agosto. Baskettopoli
Tiri liberi – 6 luglio. Baskettopoli
Tiri liberi – 3 luglio. Baskettopoli
Tiri liberi – 29 giugno. Baskettopoli
Baskettopoli e caso-Cavallo: si va avanti
Partite truccate: si indaga su Empedocle-Messina