Virauto-Sicilverde, derby della mutua?

DiComunicati

Dic 31, 2009

Trevisan, Novatti e Catotti da un lato, P. Marzo dall’altro fermi per infortunio… 89-54 il risultato finale, 44-33 dopo 20’… La via del tiro da tre di Catania, il problema play di Acireale…

testata

IN TRE. Catania all’attacco: in tre vanno al rimbalzo [Basket Catanese].

Catania-Acireale, amichevole post natalizia per tenere impegnati i due quintetti, sembra quasi un derby della mutua. Catania si presenta con otto giocatori, più tre in borghese (Trevisan, Novatti e Catotti), infortunati o acciaccati. La sfortuna continua a perseguitare la truppa di Borzì, che dovrebbe fare un voto a Sant’Agata per avere a febbraio tutto il roster a disposizione… Non sta meglio Acireale, che si presenta in undici (con quattro under) ma ha perso Pietro Marzo per un infortunio di cui ancora non si conosce l’entità (forse ai legamenti del ginocchio). Senza di lui, Vitale ha molto più spazio e, per dargli il cambio, le guardie Casiraghi e Di Dio portano palla, ma la differenza si vede…

La gara si conclude 89-54, un divario pesante frutto dell’appannamento della Sicilverde nel secondo tempo (i parziali dicono 21-10 e 24-11 dopo il 44-33 al 20’) e delle triple che tutti i catanesi a giro azzeccano. E in questo è maestro Confente. Catania cerca però più il tiro da fuori che l’azione sotto canestro, dove Rolando e Gambolati vincono spesso il confronto con gli omologhi Paolantonio e Russo al rimbalzo. Acireale rimane in partita sulle spalle di Casiraghi da fuori, Vazzana dalla media e dalla lunga distanza, Paolantonio da sotto. Perde però progressivamente di lucidità, in difesa si apre e per Degregori e compagni è facile aumentare il divario.

Il 2010 dovrà portare, prima di tutto, un po’ di salute alle due squadre. Sperando che la befana abbia in serbo caramelle e dolci vari, non carbone… Alla ripresa dei giochi, proprio per l’Epifania, la Sicilverde giocherà ad Alcamo, mentre al PalaArcidiacono si giocherà il derby Virauto-Prativerdi. Intanto, domenica 3 è prevista un’altra amichevole della Virauto, ad Agrigento.

Roberto Quartarone