Scordia vola verso la D: Valverde battuto

DiRoberto Quartarone

Mar 8, 2010

Il campionato si chiude qui, Scordia verso la D… Una partita dura… Valverde avanti giocando con interni ed esterni… Scordia cambia la partita con Costanzo… Falli e tecnici…

Scordia-Valverde 62-49
Scuola Amari di Scordia, 4 marzo, 20:30

Sport Club Scordia: Millesoli ne, Formica © 15, Alba 5, Burtone ne, Cannizzo ne, Giurlando, Costanzo 23, Pagano 5, Cavalli 7, Messina ne, D’Avola 7.
Basket Club Valverde: Annino © 14, Di Prima ne, Saporito 2, Costa 4, D’Arrigo 4, Re 5, A. Messina 4, R. Messina 3, Indelicato 6, Brischetto, Leotta 7, Giuffrida ne. All.: Corallo.
Arbitri: Catania di Catania e Mostile di Scordia.
Parziali: 7-10, 16-16, 17-9, 22-14.

scordia
CAPITANO. Un’iniziativa di Formica, capitano-allenatore dello Scordia [Basket Catanese].

Il campionato si chiude qui. È appena la prima giornata di ritorno, ma Scordia ha già chiuso il discorso per la vetta. Checché ne dica la classifica ufficiale, i gialloblù sono in testa alla Promozione con otto vittorie e nessuna sconfitta, contro i record di 5-2 dell’Elephant e 4-3 di Fides e Valverde. Per ribaltare la situazione, le avversarie dovrebbero vincerle tutte e sperare in tre sconfitte della capolista. Su 7 partite utili nel girone di ritorno e con la vittoria già alla prima su una rivale diretta, quest’ipotesi è fantabasket.

Onore ai vincitori, quindi. Scordia, squadra fisica e coriacea, non ha comunque avuto vita facile. Nel primo tempo, Valverde prende il largo e controlla il vantaggio. Inizialmente funziona bene il dialogo tra gli esterni e gli interni, che vincono una difesa spigolosa e asfissiante. Già da subito, però, gli arbitri zittiscono le lamentele degli ospiti con due tecnici, al coach e a Indelicato. Scordia ha qualche problema che risolve nel secondo periodo, quando entrano in ritmo partita Formica e Costanzo. A loro, però, rispondono Annino e Re, mentre la difesa tiene.

scordia
A TERRA. Si combatte per un possesso sull’arco dei tre punti [Basket Catanese].

Nel secondo tempo, il copione cambia. Gli interni valverdesi non riescono più a minacciare il canestro, affidandosi troppo alle iniziative degli esterni che si infrangono sull’anello o non arrivano al tiro. Inizia, dall’altra parte, il Seby Costanzo show: la guardia segna tre triple consecutive che ammazzano la gara e ribaltano il risultato; i compagni intanto tagliano bene la zona e si ritrovano spesso sotto canestro. La difesa forte scordiense continua ad infastidire gli ospiti, che si innervosiscono.

E il quarto periodo comincia nel segno dei falli (di Valverde) e del gioco duro (di Scordia). Il punteggio aumenta soprattutto dalla lunetta, ma la squadra di Corallo giunge fino al -4, sul 50-46. Manca poco, ma il sorpasso è possibile. Azione successiva: gioco da tre punti dell’ultimo arrivato D’Avola, 53-46, ed è finita. Escono intanto Re e Annino per falli, Leotta viene espulso. Le lamentele degli ospiti nei confronti degli arbitri si spengono, l’ultima azione di una partita avvincente e condita da troppo agonismo si chiude con Saro Messina che lascia la palla e tende la mano agli avversari. Sipario sul campionato, Scordia si avvia verso il ritorno in D.

Roberto Quartarone