A Caltagirone il Festival della Ceramica dal 4 al 6 giugno

Si terrà da venerdì 4 a domenica 6 giugno, a Caltagirone, il II Festival della ceramica di Caltagirone, organizzato dall’Associazione Calanchi Bottega Socio-culturale con il patrocinio della Provincia regionale di Catania e del Comune di Caltagirone e in collaborazione con l’Istituto statale d’arte per la ceramica “Luigi Sturzo”.

La “tre giorni”, dedicata al ruolo della ceramica calatina tra innovazione e tradizione, prevede dibattiti, laboratori di ceramica, musica, danza, poesie, degustazioni, visite guidate del centro storico, attività ludiche, mostre e l’esposizione di manufatti ceramici in auto d’epoca.

Questo il programma: venerdì 4 giugno, alle 18, nell’antico parlatorio del complesso dei frati minori conventuali in piazza San Francesco d’Assisi, incontro-dibattito “La Ceramica è ancora materia dell’Arte?”; alle 20, al Museo d’arte contemporanea (ex Ospedale delle Donne) “Lu schiticchiu”, armonioso incontro tra suggestive poesie, degustazioni di cuscus e stoviglie in ceramiche di Caltagirone.

Sabato 5 giugno, in piazza Municipio, per l’intera giornata i maestri ceramisti faranno ceramica “in diretta” con la presenza di torniatori e decoratori che realizzeranno vasi, piatti e fischietti in ceramica. Inoltre, nell’arco della stessa giornata, nella stessa piazza, si terranno “Body painting”, pittura del corpo con richiami ai decori tradizionali della ceramica nostrana, “Ceramica nelle auto d’epoca” e  la ludoroulotte “Iocudiventu”, con interventi itineranti di gioco, animazione e creatività. Ancora sabato 5 giugno, dalle 10 alle 13,  “Itinerari della fede”, visita guidata del complesso monumentale dei frati minori conventuali e dell’antico parlatorio sede della “Confraternita dei ceramisti”, delle Chiese Santa Rita e Santa Chiara; alle 18, nella galleria “Luigi Sturzo”, “Ceramicando, giocare con la ceramica”, laboratorio aperto alla libertà creativa dei bambini, a cura della ludoteca “La Girandola”; alle 19, in piazza Municipio, attacchi d’arte, con la presenza di giovani “writers” e, alle 22, spettacolo musicale.

Domenica 6 giugno, in piazza Municipio, per l’intera giornata i maestri ceramisti faranno ceramica “in diretta” con la presenza di torniatori e decoratori che realizzeranno vasi, piatti e fischietti in ceramica. Inoltre, nell’arco della stessa giornata, nella stessa piazza, si terranno “Body painting”, pittura del corpo con richiami ai decori tradizionali della ceramica nostrana, “Ceramica nelle auto d’epoca” e  la ludoroulotte “Iocudiventu”, con interventi itineranti di gioco, animazione e creatività. Ancora domenica 6 giugno, alle 10, in piazza Municipio, “Ceramicando, giocare con la ceramica”, laboratorio aperto alla libertà creativa dei diversamente abili, a cura della cooperativa “Namastè”; alle 10,30, nella galleria “Luigi Sturzo”, “I colori del fuoco: la ceramica nell’architettura”, visita guidata a cura dell’architetto Giacomo La Puzza e teatro itinerante “Racconti sulla città”; alle 17, in piazza Municipio, estemporanee d’arte e, alle 20, dimostrazione di cottura della ceramica Raku, a cura dell’Istituto statale d’arte per la ceramica “Luigi Sturzo” di Caltagirone; alle 21, sulla Scala Santa Maria del Monte, seconda edizione di “Attacchi d’arte”, arte, danza e musica, a cura dell’associazione “One free time center”; alle 21,30, nell’atrio di Palazzo dell’Aquila, “Calacte: poesie e racconti sulla città”, a cura di Costanza Grifeo, Marilena Trovato, Antonio Catalano e Marco Montalto.  La tre giorni si concluderà in piazza Municipio con l’estrazione “Vinci una ceramica”, a cui seguirà uno spettacolo musicale.

“Dopo il successo della scorsa edizione – affermano Mariapina Di Giacomo e Aldo Lo Bianco, dell’associazione Calanchi Bottega Socio-culturale – intendiamo mantenere acceso il dibattito sull’importante ruolo della ceramica di Caltagirone, fra passato, presente e futuro, puntando in particolar modo al protagonismo dei giovani, nel segno di un legame sempre più forte con la maiolica e con ciò che essa rappresenta per la nostra città”.