Autostrade del mare, Catania vuole essere protagonista

«I porti siciliani hanno certamente le potenzialità e le capacità per diventare i principali punti di collegamento “Sud” delle Autostrade del mare: quest’incontro servirà a tracciare le future strategie degli scali che si affacciano sul Mediterraneo».

Così il presidente dell’Autorità portuale di Catania Santo Castiglione ha annunciato il convegno organizzato da Wista Italia – grazie alla referente etnea Manuela Indaco – “Sicilia, l’isola e i suoi collegamenti. Dalle autostrade del mare allo short sea shipping nel Mediterraneo”, che si svolgerà all’hotel Baia Verde di Catania, venerdì 11 giugno, alle 10.

Dati alla mano, nel capoluogo etneo, ad esempio, il comparto marittimo negli ultimi anni ha fatto passi da gigante: il traffico passeggeri – traghetti e crociere – nel 2009 ha registrato oltre 385.mila passeggeri, con un aumento del 32% rispetto all’anno precedente.

Ma il dato ancora più rilevante è quello che riguarda la trasformazione del porto etneo, oggi più che mai candidato a diventare un “Home port”, grazie al trend positivo dei crocieristi in imbarco e sbarco dalle banchine catanesi (non solo transiti, dunque, ma partenze e arrivi).

Osservazioni e approfondimenti che verranno trattati durante l’incontro voluto dall’Associazione “Women international shipping and trading association” – presieduta da Maria Gloria Giani Pollastrini – che riunisce le professioniste che hanno fatto del mare e dei traffici ad esso collegati il proprio lavoro e la propria filosofia di vita. Iniziativa che vedrà la presenza del comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto italiane Ammiraglio ispettore-capo Raimondo Pollastrini, nella sua ultima uscita pubblica prima di lasciare il timone delle Guardie Costiere italiane al suo successore.

Dallo short sea shipping (sia merci che passeggeri) si passerà alla sostenibilità dei trasporti marittimi – come valida alternativa al gommato, ormai saturo – finendo con una riflessione sul rilancio delle zone periferiche, che hanno tutte le potenzialità per diventare “ponti” tra le aree economiche e geografiche nazionali e intermediterranee. Un faccia a faccia tra i più importanti attori economici e istituzionali del Paese, che tracceranno un profilo dell’attuale ruolo assunto dalla nostra Isola. Un confronto trasversale finalizzato al miglioramento del comparto, in linea con il leit motiv del Road show: “2010, quale futuro per lo shipping: dal ruolo degli attori alle prospettive degli economisti, aggiornamenti sulle normative e strategie” e con la volontà di Wista di farsi portavoce del mondo marittimo.

Al tavolo siederanno il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Giuseppe Reina, il presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo, l’assessore regionale al Turismo e Trasporti Nino Strano, il contrammiraglio Domenico De Michele, direttore Marittimo della Sicilia Orientale, il presidente dell’Autorità portuale di Catania Santo Castiglione, il responsabile Area Territoriale Sicilia Banca Monte dei Paschi di Siena Carlo Gaeta. Con il coordinamento di Domenico Massimo Sapienza, interverranno Tommaso Affinita (amministratore delegato Rete Autostrade Mediterranee Spa); il giornalista Roberto Nanfitò, Guido Grimaldi (direttore commerciale Grimaldi Lines); Alexandros Tomasos (amministratore delegato TTLines); Ariodante Valeri (direttore generale Grandi Navi Veloci); Simona Pantaleone (VP Nazionale Giovani Confcommercio).