Caltagirone entra in due nuovi distretti turistici regionali

Caltagirone farà parte di due distretti turistici regionali che, entro il prossimo 30 giugno, riceveranno l’ok definitivo dalla Regione siciliana.

Si tratta del “Sud – Est”, che comprende i siti Unesco “Tardo Barocco nel Val di Noto”, “Necropoli di Pantalica” e “Villa del Casale”, 16 Comuni e innumerovoli operatori privati, e del distretto “Venere di Morgantina”, in cui rientrano la Provincia di Enna e, oltre a quello calatino, i Comuni di Piazza Armerina, Enna, Aidone, Centuripe, Leonforte e San Michele di Ganzaria, ai quali si aggiungono gli operatori del settore.

«La partecipazione ai due distretti, che consolida i rapporti di collaborazione con altre realtà siciliane e realizza in concreto una sempre più fitta “rete” territoriale – informa l’assessore al Turismo e vicesindaco Alessandra Foti – potrà consentire a Caltagirone di beneficiare di significative risorse per attività di promozione e di marketing territoriale, ma anche per lo sviluppo delle infrastrutture turistiche private e pubbliche, fra cui musei, installazioni artistiche e itinerari ciclo – pedonali. Col distretto della Venere di Morgantina si consolida un asse – quello fra Caltagirone e Piazza Armerina – a cui lavoriamo da tempo, nella consapevolezza delle ricadute positive che ciò può produrre per entrambe le comunità».