"I padrini del ponte", il nuovo libro di Antonio Mazzeo

Sarà presentato il prossimo 15 giugno, alle ore 18,30 alla Libreria Tertulia di Catania (via Michele Rapisardi, 1), in collaborazione con l’Associazione etnea di studi storico-filosofici, il libro di Antonio Mazzeo, “I padrini del Ponte”, la cui prefazione è firmata da Umberto Santino, presidente del Centro siciliano di documentazione “Peppino Impastato”.

Nel volume l’autore – partendo da una corposa documentazione giudiziaria – ricostruisce un quadro in cui ad essere interessati alla megaopera sono “Speculatori locali e d’oltreoceano, faccendieri, piccoli, medi e grandi trafficanti, conservatori, liberali e anche ex comunisti, banchieri, ingegneri ed editori” e traccia della mafia un’immagine che non è solo quella del pizzo e nemmeno più quella di una “mafia imprenditrice”, ma – come si legge nella prefazione di Santino – “una mafia finanziaria, forte di un’accumulazione illegale sviluppatasi esponenzialmente e quindi in grado di giocare un ruolo da protagonista e non da parente povero dei grandi gruppi imprenditoriali”.

Il libro sarà presentato da Salvo Distefano, presidente dell’Associazione etnea di studi storico-filosofici, che ne discuterà insieme all’autore e a Gino Sturniolo, della Rete No Ponte di Messina.

Nel corso dell’incontro saranno proiettati il documentario “Lo Stretto obbligato”, di Carlo Sisalli ed Edoardo Morabito (che sarà presente), e il cortometraggio “L’onorevole P.- La Serenata”, di Roberto Bonaventura e Antonio Alveario.

Sarà inoltre allestita la mostra “100 Piazze No Ponte” che, attraverso foto e testi, illustra le ragioni dell’opposizione alla realizzazione dell’opera.