Sette giorni di solidarietà per i rifugiati

Comincerà domenica 13 giugno, nelle sale della ex fornace Hoffmann a Caltagirone, un’intera settimana dedicata all’integrazione e all’immigrazione che si concluderà il 20 giugno, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato 2010.

L’iniziativa, promossa dall’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Caltagirone e dall’associazione Astra (volontari per la protezione civile, si inserisce nell’ambito del progetto Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), di cui Caltagirone fa parte (accoglienza di 15 adulti extracomunitari richiedenti asilo politico) e che è  rivolto agli immigrati allo scopo di “accogliere integrando”, aggiungendo all’assistenza con vitto e alloggio interventi di informazione, accompagnamento, orientamento e costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

Questo il programma della “sette giorni”: domenica 13 giugno, alle 9,30, alla Città dei ragazzi, quadrangolare di calcio “Torneo dell’amicizia”, in collaborazione con l’associazione MaGma; alle 17,30, alla fornace Hoffmann, tavola rotonda sul tema “Oltre  l’accoglienza e oltre i  respingimenti”. Interverranno: il sindaco di Caltagirone Francesco Pignataro, l’assessore alle Politiche sociali Cristina Navarra, Lucia Iuzzolini del Servizio centrale Sprar – Anci, un rappresentante dell’Unhcr (agenzia dell’Onu per i rifugiati), il comandante delle forze di pattugliamento per la sorveglianza e la difesa costiera Roberto Camerini, Carmen Cordaro dell’associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, il responsabile regionale area immigrati dell’Arci – Sicilia Hassan Maamri e il presidente dell’associazione Astra Gemma Marino.

Lunedì 14 giugno, alle 18, nella fornace Hoffmann, presentazione del libro “Mare di mezzo”, alla presenza dell’autore Gabriele Del Grande. All’incontro interverranno il giornalista Mariano Messineo e il direttore dei Musei civici Domenico Amoroso. Seguirà un “reading” di brani a cura di Giacomo Barletta e Marco Montalto. La serata si concluderà con la visione della partita dei mondiali di calcio Italia – Paraguay (inizio alle 20,30).

Da martedì 15 giugno a venerdì 18 giugno, alle 19,30, nella fornace Hoffmann, quattro giorni di festival itinerante del cinema e delle arti “Nomadica”. Ogni sera una proiezione video (Meme pere, meme mere”, La linea persa di Adis Abeba”, “Otra vez” e “Iraqi short film”) e momenti di intrattenimento con musica dal vivo, buffet multietnico, incontri e visione dei mondiali di calcio. Sabato 19 giugno, nella fornace Hoffmann, III Giornata della musica, dell’arte e dell’integrazione, a cura dell’associazione MaGma: alle 11, esposizione graffiti art e, dalle 15,30, band in concerto.

Domenica 20 giugno, alle 19, nella fornace Hoffmann, spettacolo teatrale “Clandestini”, a cura di Totò Laudani e Giacomo Barletta; alle 20, presentazione della campagna “Per un amico in più, invita un ospite dello Sprar a casa”; alle 20,30, proiezione del film “Come un uomo sulla terra”.

“La manifestazione – evidenzia il presidente dell’associazione Astra, Gemma Marino –  si propone, attraverso una molteplice e variegata serie di eventi, di puntare i riflettori su un diritto fondamentale dell’essere umano qual è il diritto d’asilo, poiché i rifugiati sono individui e famiglie in fuga da guerre e persecuzioni che cercano di ricominciare una nuova vita in dignità e sicurezza”.