Nuovo elettrodotto tra le province di Catania e Siracusa

A Palermo a Palazzo d’Orleans, nella sede del Governo Regionale, l’assessore all’Ambiente del Comune di Catania Claudio Torrisi ha sottoscritto un protocollo d’intesa per la realizzazione di un nuovo elettrodotto tra le stazioni elettriche di Paternò – Pantano d’Arci e Priolo Gargallo. Tra i firmatari: i rappresentanti della Regione Sicilia, delle Province di Catania e Siracusa, dei Comuni di Augusta, Priolo-Gargallo, Melilli, Carlentini, Motta, Belpasso ,Paternò, e i tecnici di Terna, società proprietaria e gestore della rete elettrica ad alta tensione.

Il nuovo elettrodotto a 380 kv (chilo volt) permetterà di superare le possibili limitazioni di energia nel polo produttivo di Priolo e nella zona Industriale di Catania e quindi evitare i fastidiosi black out molto frequenti nel periodo estivo .

Il progetto prevede di realizzare a Pantano d’Arci una grande cabina di trasformazione alla quale appunto sarà collegato il costruendo elettrodotto. Inoltre saranno dismessi i tralicci dell’elettrodotto che sovrasta il poliambulatorio di Librino ed i cavi di rete saranno interrati e deviati dove non ci sono abitazioni .

L’intervento consentirà anche di interconnettere il sistema di 380 kv con la rete a 150 kv che alimenta l’area di Catania ,migliorando la flessibilità di esercizio della rete con incremento della sicurezza di alimentazione nelle aree di elevato carico .
Terna, la società che gestisce la rete , si impegnerà a rispettare la localizzazione delle opere e a riconoscere alle Province di Catania e Siracusa ed ai comuni di Priolo, Augusta, Melilli, Carlentini, Catania , Motta S. Anastasia, Belpasso e Paternò un contributo economico quale onere economico relativo alla compensazione ambientale .