"Sempre accanto a te", la telematica per gli anziani catanesi

“Sempre accanto a te” è il servizio di assistenza telematica per gli anziani presentato dal sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli e dall’assessore ai Servizi sociali, Carlo Pennisi.

Il progetto, che avrà la durata di dodici mesi ed è completamente gratuito, prevede una ricca proposta di servizi: telesoccorso, telemedicina, telecompagnia, teleinformazione, teleprenotazione e telecontrollo. Ad ogni anziano verrà consegnato un telecomando da utilizzare in caso di necessità. Una centrale operativa sarà in grado di allertare i soccorsi dopo aver ricevuto la richiesta d’aiuto.

Destinatari del progetto saranno gli anziani parzialmente o non autosufficienti, in condizioni di disagio socio–economico. Prezioso il ruolo dei Servizi Sociali cui spetterà il compito di raccogliere e verificare le domande di partecipazione per poi realizzare la graduatoria dei soggetti ammessi.

“La telematizzazione è uno strumento che purtroppo utilizziamo poco ma che può rendere più snelli ed efficienti i servizi di assistenza – ha spiegato l’assessore Carlo Pennisi – Questo progetto, inoltre, si inquadra al meglio con le altre iniziative programmate con la legge 328”.

“Sempre accanto a te” è finanziato dalla Fondazione per il Sud, in collaborazione con Enel Cuore, nell’ambito del Bando Socio-Sanitario 2009.
La Fondazione per il Sud, nata tre anni fa per promuovere infrastrutture sociali nel Mezzogiorno, ha ritenuto tale progetto una “iniziativa esemplare” nell’ambito dell’assistenza agli anziani non autosufficienti. Grazie a Enel Cuore è stato possibile acquistare le attrezzature per la telemedicina e il telesoccorso.

Il progetto è stato realizzato da una forte compagine sociale, capeggiata dalla cooperativa “Angelo Majorana” e costituita da numerose realtà del terzo settore: le cooperative sociali “Edelweiss”, “S. Rita”, “Nikes”, “Euroservice” e “La Cometa”, l’associazione “Alzheimer” di Paternò”, la Società di Servizi in Sanità, Elabora Sicilia e l’ISVI di Catania.

Il coordinatore del progetto, Luigi Gravina, ha spiegato“L’intento è quello di rispondere ai bisogni complessi e sempre crescenti della persona anziana. In maniera innovativa e sperimentale saranno introdotte attrezzature sofisticate e tecnologiche in grado di sostenere la permanenza degli anziani fragili nel proprio domicilio”.