Amichevoli estive: l'Acireale Basket ospita il Gad Etna Catania

Un incontro apparentemente impari, ma di livello… Le giovani scommesse del Basket Acireale incontrano i “big” del Gad Etna… Due “vecchie” realtà che si ritrovano inevitabilmente alla ribalta…

Quasi alle porte del campionato, gli incontri amichevoli diventano per ogni squadra dei test sempre più indicativi per rendersi conto di quanto ci sia di positivo nel lavoro svolto sin’ora. Particolarmente interessante è stato l’incontro che si è disputato Sabato al Pala Volcan, tra il Basket Acirele di Coach Peppe Foti e il Gad Etna di Giuseppe Marchesano. Squadre queste militanti rispettivamente in C1 e C2, ma la cui differenza non è poi eccessiva se si da un occhio al nuovo roster del Gad, tutt’altro che da serie regionale.

Con la fine del progetto della Pallacanestro Catania molti dei giocatori di quella rosa hanno infatti scelto di confluire nella squadra del presidente Simone Motta, accrescendone notevolmente la potenzialità. Aria di rinnovamento anche in casa acese che durante la campagna acquisti ha confermato solo Russo, Marzo e Paolantonio, cedendo giocatori come Di Dio e Casiraghi, divenuti grazie all’esperienza in maglia granata delle “stelle” del mercato estivo. Per le due società obiettivi differenti: con l’arrivo in casa rosso-azzura degli ex B2 Catotti e Di Masi, nonché dell’ex granata Cantone e dell’ex S. Luigi Marletta, il Gad Etna può certamente ambire ad un posto al sole nel campionato in cui milita. La formazione è infatti davvero temibile.

L’esperienza di questi giocatori è apparsa un netto fattore in più nell’amichevole ad Acireale, in cui sono state la lucidità in campo di Cantone, la precisione sottocanestro di Marletta e la concretezza di Catotti ad illuminare un quintetto che, nonostante i molti giovani promettenti disponibili, a volte è parso spegnersi.

Se in città si aspira in alto, nella periferia acese si vola basso, ma non per vivacchiare classifica. Nella consapevolezza delle difficoltà attuali, l’obiettivo è dichiaratamente la salvezza, ma nulla toglie che con circostanze favorevoli si possa cercare di bissare il sorprendente exploit della passata stagione, in cui grazie al grosso lavoro del coach e della squadra, il gruppo è approdato al raggiungimento di uno storico play off, la cui esclusione quasi immediata ha lasciato ben poco rammarico rispetto alla consapevolezza di ciò che si è fatto.

Tra i nuovi innesti molto interessante è il giovane play Manservisi, il quale riceve già man forte dal sempre più sorprendete Alberto Marzo, assolutamente a suo agio in campo ed in ascesa per diventare un importante riferimento per la squadra. Certezza rimane il confermato Paolantonio che più di una volta ha messo in difficoltà la difesa dei ragazzi del Gad grazie a dei bei movimenti lungo la linea di fondo. Buona anche la prova del capitano Russo, ma meno quella dell’altro lungo, Luca Colombo, spesso lasciatosi “distrarre” dalle difese aggressiva dell’avversario guadagnando per contro, con frequenza, la panchina. Un po’ in difficoltà è parso Fulvio Gambino, troppo spesso ripreso da Foti, ma che non ha mancato di mostrare il perché abbia meritato nonostante la giovane età un posto nel quotatissimo Basket Trapani

Tirando le somme su questa amichevole non possiamo certo dire che vi sia stata una squadra che si sia mostrata più difficoltà dell’altra. Se è pur vero infatti che Acireale ha spesso dilagato, è altrettanto vero che ciò non debba preoccupare il Gad Etna capace di recuperare svantaggi consistenti.

Ad ogni modo l’incontro organizzato al Pala Volcan non è stato importante solo per i rispettivi allenatori e le loro squadra perchè, tra le tante novità di quest’anno, una pare esser pronta ad influenzare molto la futura stagione. Con la dissoluzione della Pallacanestro Catania la nostra provincia da un lato ha perso una protagonista importante del suo movimento cestistico, ma dall’altro ha riscoperto tante piccole realtà minori o alternative che sin’ora erano rimaste prevedibilmente in secondo piano. Ebbene, in modo inevitabile da quest’anno saranno le compagini emergenti a divenire i nuovi punti di riferimento per gli appassionati di pallacanestro. Acireale Basket e Gad Etna Catania probabilmente su tutte.

Chiara Borzì