Raccolta rifiuti, "rivoluzione" a San Giuseppe la Rena

Una piccola rivoluzione nella raccolta dei rifiuti indifferenziati ha visto protagonisti i residenti di sei villaggi marini di San Giuseppe la Rena che hanno partecipato attivamente al progetto di raccolta porta a porta messo in atto dalla Direzione Tutela Ambientale del Comune di Catania .

Visti i risultati soddisfacenti ottenuti, la raccolta porta a porta dell’umido effettuata nei villaggi a mare Ippocampo, Rainbow, Ionio, Villaggio Azzurro, Fondo 41,Campo di Mare, andrà avanti per tutto l’anno.

L’idea proposta dal consigliere comunale Carmelo Giustolisi e dal consigliere della X Municipalità Maurizio Calabrese, ha riscontrato il gradimento dei residenti e dell’assessorato all’Ecologia. L’iniziativa è stata realizzata grazie alla macchina organizzativa messa in moto dal direttore della struttura Tutela Ambientale, Anna Maria Li Destri, dal dirigente Marco Morabito, dal responsabile dell’Unità Operativa Millauro e la collaborazione dei sorveglianti di zona Scalia e Raoli.

Dati incoraggianti provengono da questo esperimento che ha visto l’eliminazione dei cassonetti di raccolta. Niente cumuli di immondizia ai bordi delle strade , niente mobili vecchi abbandonati e rifiuti gettati alla rinfusa sulla strada.

Ogni mattina a partire dalle 6 e fino alle 10 gli operatori del Comune di Catania raccolgono i sacchetti depositati davanti le abitazioni e nel pomeriggio dalle 16 alle 20 gli stessi procedono alla pulizia delle vie esterne ai villaggi.

Il sistema di raccolta dei rifiuti, grazie a questo progetto, è cambiato radicalmente. Infatti è stata prevista l’eliminazione dei cassonetti in strada. Una gestione dei rifiuti, già sperimentata da tempo in altre città.