Salto a due/1. Acireale, che cifre!

Luca Colombo, 29 di valutazione e un innesto che pesa… Luca Manservisi, quando importa poco che la linea da tre sia più lontana… Signorelli, miglior partita in carriera…

Luca Colombo, giocatore della settimana.
Serie C Dilettanti Girone H [1° giornata]: Acireale-Rosarno 92-66. Classifica: 1. Napoli, Pall. Salerno, Acireale, Gela, Soverato, Messina, Racalmuto (1-0), 8. Battipaglia, Agropoli, Delta Salerno, Cosenza, Rosarno, Canicattì, Reggio Calabria (0-1).

La stagione 2010-11 della pallacanestro catanese è partita ufficialmente domenica con la prima giornata del Girone H di Serie C Dilettanti. Per il terzo anno consecutivo, l’Acireale si presenta al via con una squadra profondamente rinnovata, giovane e piena di scommesse, con un nuovo sponsor, con un nuovo ruolo: far da vertice del movimento cestistico etneo.

Il primo avversario non era uno scoglio particolarmente difficile da superare. Rosarno è una delle squadre che in estate hanno seriamente pensato al ritiro dalla quinta serie nazionale e ora si presenta con una squadra definita in pochi giorni e con il giocatore più rappresentativo, il play-bandiera Iaria, che al PalaVolcan tira tantissimo con percentuali basse e perde troppi palloni, risultando comunque il migliore dei suoi. Quando tutta la squadra tira con il 36% dal campo e il 57% dai tiri liberi e si prendono 17 rimbalzi meno degli avversari è impossibile recuperare uno svantaggio che è giunto fino al +26 finale.

Non sono le statistiche opache degli avversari a risaltare, ma i numeri brillanti dei padroni di casa. L’innesto di un giocatore di categoria superiore quale Luca Colombo ha dato grande solidità alla squadra: il 7/8 da due, i 7 falli subiti e i 10 rimbalzi, per un totale di 29 di valutazione in 21 minuti, hanno messo il sigillo sulla vittoria. Alla sua presenza sotto canestro ha risposto da fuori il play Luca Manservisi, con un 6/10 da tre che dimostra come l’allontanamento della linea da tre per alcuni giocatori è solo un dettaglio insignificante. Grandi numeri hanno caratterizzato le prove di Selmi, Marzo e Paolantonio, Signorelli ha disputato la sua miglior partita in C Dil. e sono andati a punti anche gli esordienti Caminiti e Grasso, mentre l’altro big Manzotti ha fatto molto bene al tiro da fuori e meno da due e Russo non è riuscito a imporsi.

Come nello scorso campionato, la squadra di Peppe Foti ha dimostrato di avere un solido collettivo: se gli elementi giunti come incognite dimostreranno costanza e i big cresceranno ancora, la squadra potrà togliersi tante soddisfazioni.

Roberto Quartarone