Salto a due/2. Scatto delle big di C2.

C Dil.: Acireale, i pivot dominano, vittoria in trasferta… C2: vincono facile e senza sforzarsi Gad e Gravina… Bene Mascalucia, da rivedere le altre… 

Serie C Dilettanti Girone H [2a giornata]: Cosenza-Acireale 77-79.
Classifica: 1. Napoli, Pall. Salerno, Acireale, Gela (2-0); 5. Racalmuto* (1-0), Soverato, Messina, Canicattì, Delta Salerno (1-1); 10. Battipaglia, Agropoli, Cosenza, Rosarno (0-2), Reggio Calabria* (0-1). * = una partita in meno.
Giocatore della settimana: Luca Colombo
.
Così dicono.
«Gara combattuta sin dall’iniziale palla a due, un ritmo serrato che si è protratto per tutto l’arco dei quattro tempi regolamentari e si è interrotto solo grazie alla prodezza di Alberto Marzo, autore del canestro della vittoria a pochi secondi dal suono della sirena». Tuttobasket.net

Molto bene, non c’è che dire. Acireale sa anche a soffrire, rincorrendo l’ostica squadra cosentina che, pur priva di due pedine fondamentali, tiene in equilibrio gli ospiti grazie alle giocate dell’esperta ala Horacio Bosco (ex San Severo) e dell’esterno Simone Ginefra (due anni fa protagonista in finale dei play off di C Dil. con Potenza-2, 34 totale di valutazione domenica). Colombo, Paolantonio e Russo aumentano ancora il loro rendimento sotto canestro (38 punti e soprattutto 24 rimbalzi in tre), mentre da fuori le statistiche sono un po’ peggiorate rispetto alla prima giornata (appena 3/17 da tre). Se l’elemento in più è stato il sesto uomo Alberto Marzo (7 di valutazione in 30′, con 3/5 da due), ancora una volta l’mvp è stato Luca Colombo: il pivot ligure ha totalizzato un 9/13 da due, 11 rimbalzi e 4 falli subiti, per un totale di 28 di valutazione.

Rimangono al fianco di Acireale il Pontano Napoli, la Pall. Salerno e il Basket Gela, tutte vittoriose con punteggi risicati. Giocheranno il 3 novembre Audax Reggio Calabria e Virtus Racalmuto, la cui partita è stata rinviata. Continua invece a sorpresa la crisi del Battipaglia, che ha scambiato il titolo di B Dil. con il Collana Napoli e ancora non ha ritrovato la formula che lo scorso anno le ha permesso di vincere i play-off. Secondo le statistiche ufficiali della lega, al momento i miglior marcatore è Antonio Iaria (Rosarno, 28,5) seguito da Pietro Leoncavallo (Gela, 25,5) e Ivan Stuppia (NP Salerno, 25).

Serie C Sicilia Girone B [1a giornata]: Gad Etna-Adrano 66-48, Mascalucia-Giarre 55-50, Paternò-Santa Croce 52-58, Gela-Gravina 50-85, Mia Messina-Cus Catania 76-41.
Classifica: 1. Gravina, Mia Messina, Augusta, Gad Etna, Santa Croce, Mascalucia (1-0); 7. Giarre, Paternò, Adrano, Siracusa, Gela, Cus Catania (0-1); 13. B.S. Messina*, Melilli*. * = una partita in meno.
Giocatore della settimana: Gabriel Scarpa
.
Così dicono:
«A parte comunque i primi tiri messi a segno dalla lunga linea da Rao e la presenza costante di Famà nel pitturato poi siamo riusciti a trovare le contromisure che ci hanno permesso di portare a casa il risultato positivo» Giancarlo Distefano, coach Santa Croce.

La prima giornata della massima serie regionale dà alcuni responsi molto chiari. Le big non solo sono degli schiacciasassi, ma non faticano nemmeno troppo a sbarazzarsi di tre avversarie che sulla carta non sono destinate alla discesa in Serie D. È così per il Gad Etna, visto al PalaCus contro l’Adrano: vince al termine di una partita in cui regna la confusione e che i ragazzi di Marchesano dominano sin dalla metà del primo quarto, grazie soprattutto a Davide Di Masi, tornato protagonista, e Gabriel Scarpa, il nuovo pivottone sudamericano. Risponde a tono la Mia Messina, che si sbarazza del Cus Catania, apparso inferiore e già sotto di una trentina di punti a metà gara. Significativo è che i migliori marcatori delle due squadre (Riccardo Arcidiacono e Giovanni Galletta) siano entrambi del ’94.

Discorso simile per il Gravina. Chi ha visto il quintetto di Minnella in campo a Gela parla di una squadra ancora ben lontana dalla forma migliore, imbrigliata per 20′ da una Studentesca che conta su tre giocatori temibilissimi (Cattuti, Gentile e soprattutto La Cognata, che ha perso recentemente il padre, ricordato con un minuto di silenzio), ma poco altro. Solo nella seconda metà della gara i positivi Sortino, Ganci e Prudente hanno contribuito ad aumentare il divario fino al +35 finale. Una superiorità imbarazzante sottolineata dall’apporto della panchina ospite, nettamente più lunga; manca però ancora il contributo di alcuni giocatori fondamentali quali Cavazza e Verzì.

La prima uscita si conclude con un sorriso anche per Mascalucia (vittoriosa di cinque sul Giarre), Santa Croce Camerina (+6 al Paternò, ma solo al supplementare) e Augusta (un ventello all’Aretusa), mentre Basket School-Melilli è stata rinviata al 20 ottobre. Miglior marcatore della giornata è Giovanni Brozzu (20, Virtus Augusta), seguito da Rizzo, Distefano (Vigor) e Gugliotta (Aretusa) a 16 punti.

Roberto Quartarone