Salto a due/3. Acireale impone il suo gioco.

C Dil.: Acireale, micidiale al rimbalzo, ventello ad Anselmo… C2: Gad e Gravina a braccetto, Mascalucia stende la big Mia, Adrano si rialza… 

Serie C Dilettanti Girone H [3a giornata]: Acireale-Racalmuto 86-66.
Classifica: 1. Pall. Salerno, Acireale, Gela (3-0); 4. Napoli, Soverato, Canicattì, Delta Salerno (2-1); 8. Racalmuto* (1-1), Battipaglia, Messina, Cosenza (1-2); 12. Agropoli, Rosarno (0-3), Reggio Calabria* (0-2).
Giocatore della settimana: Gianluca Selmi.
Così dicono. «I ragazzi di coach Foti in questa occasione, seppur mostrando qualche errore di troppo rispetto il precedente incontro casalingo, hanno giostrato a piacimento, evitando quei patemi d’animo che in tantissime altre occasioni in passato avevano invece vissuto, spesso complicandosi la vita da soli» Nello Pietropaolo, “La Sicilia”.

Alberto 1, Pietro 0: la sfida tra i fratelli Marzo si conclude con la netta vittoria del più piccolo, sesto uomo sempre più in vista dell’Acireale che domina il Racalmuto. Marzo II gioca 25′, per un totale di 13 di valutazione (5 punti, 1/4 da due, 1/1 da tre, 6 rimbalzi, 4 recuperate); Marzo I parte titolare ma si ferma a 24′, con un punto in più del fratello (però tira male, 2/4 da due e 0/3 da tre) e 4 falli subiti, che gli valgono appena un +1 di valutazione. Questa volta non è l’imprescindibile Colombo a farla da padrone, ma il cecchino Gianluca Selmi: l’intesa con il play Manservisi, il 3/4 da tre, i 6 falli subiti e i 2 assist contribuiscono al 24 di valutazione. E in copertina va anche Gigi Russo, grazie alla schiacciata nell’ultimo quarto e ad una stoppata, segnali dell’importanza del capitano sotto canestro.

In estate, Racalmuto era indicata tra le più solide della categoria: una garanzia è coach Francesco Anselmo, che conta sull’estroso Giusti (domenica peggiore in campo insieme a Caminiti, secondo la valutazione, con -4), sul navigato Manzo (che ha retto i suoi al PalaVolcan), sul lungo Yasakov e sul succitato Marzo. Le amichevoli estive avevano indicato l’equilibrio tra la squadra di Foti e quella di Anselmo, ma ora l’onda dell’entusiasmo acese ha travolto con un ventello gli agrigentini, dominando al rimbalzo (38-23) e con una differenza enorme nella valutazione (103-48). Questa vittoria è il segnale che la squadra etnea non è una meteora: è capace di imporre il suo gioco e vincere bene contro una rivale diretta per la corsa ai play-off. Intanto, NP Salerno e Gela hanno risposto per le rime, Napoli-2 è caduta a Soverato, la classifica inizia a suggerire quali squadre correranno per le posizioni d’onore… Iaria è ancora capocannoniere (28), i gelesi Leoncavallo (24) e Nesti (22,3) lo seguono a ruota.

Serie C Sicilia Girone B [2a giornata]: Cus Catania-Gad Etna 40-69, Mascalucia-Mia Messina 43-37, Adrano-Aretusa 72-41, Gravina-Paternò 79-63.
Classifica: 1. Gravina, Gad Etna, Santa Croce, Mascalucia (2-0); 5. B.S. Messina, Melilli, Mia Messina, Adrano (1-1), Augusta* (1-0); 10. Giarre* (0-1), Paternò, Siracusa, Gela, Cus Catania (0-2). * = una partita in meno.
Giocatore della settimana: Dario Sortino.
Così dicono: «Shorty è tornato! Ci stiamo allenando molto bene, la squadra comincia ad ingranare e la mia prestazione rispecchia i progressi fatti» Dario Sortino, playmaker del Gravina.

Le sorprese della giornata non sono affatto le buone vittorie delle big Gad Etna e Gravina. La squadra di Giuseppe Marchesano affronta in famiglia quella di Gaetano Russo (diventato in settimana responsabile del Settore Squadre Nazionali in Sicilia) e vince agevolmente, rifilando un trentello di scarto e mettendo ancora in evidenza Scarpa. Il Gravina soffre ancora nei primi due tempi, ma grazie ad un terzo periodo in sprint supera il coriaceo Paternò; tra i gravinesi si segnala Dario Sortino, autore di 23 punti e decisivo in regia, a cui risponde Enrico Famà, autore di tre punti in più. Non sono sorprese perché le squadre allestite stanno facendo il loro dovere e, anzi, hanno tutte le possibilità per far meglio. Superato il primo periodo di rodaggio e ambientamento, entrambe dovrebbero dare alzare il ritmo e correre spedite.

Le sorprese vengono invece dai campi di due squadre che non ambiscono al salto di categoria: il PalaSport di Mascalucia e il PalaTracuzzi di Messina. Le due catanesi possono gioire per l’inatteso crollo della Mia contro la Mens Sana, capace di contenere i messinesi sotto i quaranta punti con una difesa perfetta e vincere grazie ai punti di Boschi e Valenti. Contro il Basket School cade invece Melilli, nel recupero della prima giornata: non bastano i fratelli Messina per superare il collettivo messinese, che si riscatta dopo la disfatta pesantissima contro la sorpresa Santa Croce Camerina. Intanto, Adrano travolge la giovane Aretusa e si rialza. I migliori marcatori della giornata sono stati Famà (Paternò, 26), F. Messina (Melilli, 25, nel recupero) e Sortino (Gravina, 23).

Roberto Quartarone