Lo sciopero alla rovescia dei forestali calatini

Il sindaco Francesco Pignataro, accompagnato dal consigliere comunale Giuseppe Buoncore, si è recato lunedì 22 novembre, in visita nei cantieri forestali di Santo Pietro e San Michele di Ganzaria, esprimendo solidarietà ai lavoratori che da qualche giorno hanno avviato lo “sciopero alla rovescia” per protestare contro il governo regionale per il mancato rispetto dell’accordo del maggio 2009.

Tale accordo prevede 101 giornate di lavoro per i lavoratori ex art 78 (“78ttisti”, 151 per i “101nisti” e 180 per i “151nisti”. Gli operai continueranno a lavorare nei cantieri sino al completamento delle giornate contemplate nell’intesa, per poi sollevare la questione in giudizio, chiedendo il riconoscimento del lavoro “di fatto”.

“E’ paradossale che, ancora una volta, in Sicilia – ha affermato Pignataro – si debba essere costretti a forme di protesta eclatanti per vedersi riconoscere dei propri sacrosanti diritti. Quanto alla forestazione, essa potrebbe davvero divenire una grande e definitiva opportunità di lavoro nel segno della produttività piena, senza che ogni anno si registrino l’amarezza e la delusione dei tanti operatori per le promesse non mantenute dalla Regione.

Ancora una volta – ha concluso Pignataro – s’impone un’inversione di rotta, che tuteli ed esalti il ruolo dei lavoratori e, nel contempo, li metta, attraverso un’azione programmatoria sin qui mancata a Palermo, nelle condizioni migliori per salvaguardare e valorizzare al meglio l’ambiente e il patrimonio boschivo”.