Roberto Vecchioni dedica due poesie a Scicli

DiComunicati

Nov 19, 2010

Nel corso della sua recente visita in Sicilia, il cantautore Roberto Vecchioni ha dedicato due poesie alla città ragusana di Scicli. Ecco i testi integrali delle due poesie

“A Scicli,

lontana luminosa penombra

nel senso dell’antico che non muore

ed è noi e la nostra italiana unità:

la colpa dalla storia greca che ci ha fatto

più grandi degli altri,

di tutti

e la misura del passo delle nostre donne

che battono in leggerezza qualsiasi cosa si muova nel mondo”.

“Fossero semplici i sogni

saremmo tutti lontani dal dolore

di perdere, improvvisamente, la vita

strozzarle la gola, farla nostra

a urla e frasi, finché non crolla

e ci dà ragione e si fa passione.

Fossero semplici i sogni avremmo

facili vittorie e sconfitte inutili e

non capiterebbe a me, piccolo italiano

di starvi insieme di essere e

voler sognare da difficile improbabile

siciliano.  Fossero semplici, non vedrei

la bellezza delle vostre donne e

la speranza dei vostri ragazzi: Dio

ci dà questa complicanza  che è

mistero e miracolo: ancora non è

e non può essere facile. Ci troveranno

un giorno senza croci né spine a

guardare il tramonto che disegna

un’uguaglianza sublime e la felicità

di essere uomini ogni oltre confine”.

Roberto Vecchioni, Noto, 14 novembre 2010