Dopo la pallavolo Catania è pronta per i mondiali di scherma e di nuoto indoor

“L’assegnazione alla città di Catania dei mondiali di nuoto conferma l’affidabilità che riusciamo a garantire come sede di grandi eventi che richiamano nella nostra città migliaia tra tecnici e atleti e l’attenzione dei media nazionali e internazionali. Significa che come città siamo tornati competitivi, un viatico positivo per la crescita e lo sviluppo della città visto l’indotto che questo evento garantirà in termini di presenze e visibilità”. Lo ha detto il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli commentando la decisione degli organismi sportivi di scegliere il capoluogo etneo come luogo dove svolgere l’evento iridato.

“La volontà del Comune e la collaborazione con la Federazione Italiana Nuoto e il suo Comitato Regionale – ha aggiunto Stancanelli premiano Catania con l’assegnazione dei Mondiali di nuoto in vasca corta del 2014. Attraverso questo prestigioso evento potremo avviare il recupero del complesso sportivo del PalaNesima, che ospiterà l’allestimento di una piscina removibile temporanea in grado di ospitare i più forti nuotatori del mondo e le oltre 5000 persone coinvolte. Siamo orgogliosi che FINA e FIN abbiano scelto Catania come sede di uno dei più importanti eventi internazionali di nuoto, che ci consentiranno di valorizzare la già efficiente piscina di Nesima, sede di gioco della squadra campione d’Italia della Formoline Catania e di altre società sportive e luogo di ritrovo di tanti catanesi, in quello che dopo i lavori di riqualificazione grazie a ques’evento diventerà un polo sportivo di rilievo nel Mezzogiorno d’Italia”.

Stancanelli ha ricordato che Catania sta lavorando per ospitare i mondiali di scherma del 2012, in collaborazione con la Regione Siciliana, sinergia istituzionale che ha già dato risultati con l’ottimo successo organizzativo registrato durante i mondiali di pallavolo lo scorso mese di settembre.