Piazza Università torna ad essere un’isola pedonale

Inizieranno giovedì 16 dicembre gli interventi per rendere finalmente un’isola pedonale la frequentatissima e storica piazza Università. L’iniziativa si colloca nell’ambito del più generale piano finalizzato al miglioramento della qualità della fruizione pedonale urbana che l’Amministrazione comunale vuole perseguire, anche sulla scorta della sollecitazione di numerosi cittadini singoli e associati. Il progetto prevede la collocazione di dissuasori stradali fissi e mobili nel tratto di via Etnea compreso tra la via Vittorio Emanuele II, la via Collegiata e le vie limitrofe, un’area già sottoposta otto anni addietro a una riqualificazione complessiva che ha riguardato le pavimentazioni e i sottoservizi, facendone una isola pedonale, di fatto una ZTL, con il dichiarato fine di valorizzare l’aspetto e la vocazione turistica dell’area.

I lavori avranno due fasi. La prima, prevede l’installazione nei varchi limitrofi a Piazza Università, precisamente in via La Piana, via Euplio Reina, via Santa Maria del Rosario e via Roccaforte, di nove dissuasori fissi in ghisa, di forma sferica, del diametro di 40 cm, che verranno ancorati al basolato lavico. In questo modo, per le macchine che provengono da queste strade che si affacciano su piazza Università, sarà fisicamente impossibile immettersi o anche solo parcheggiare. Questo intervento, che durerà solo pochi giorni, sarà seguito da uno più invasivo, rimandato per ragioni di opportunità a dopo le festività agatine. In prossimità degli incroci tra la via Etnea e la via Vittorio Emanuele II e tra la via Etnea e la via Collegiata, infatti, è prevista la collocazione di quattordici dissuasori, di cui due – quelli centrali – mobili a scomparsa al di sotto della sede stradale e dodici fissi, ancorati alla pavimentazione con l’ausilio di tasselli antivandalismo, per permetterne la loro rimozione in occasione di eventuali manifestazioni pubbliche che comportino notevole afflusso di cittadini.

I due dissuasori mobili centrali, in acciaio inox, tecnologicamente tra i più avanzati esistenti sul mercato, permetteranno l’attraversamento dell’area solo ai mezzi autorizzati grazie a sofisticato un sistema di riconoscimento audio per i mezzi di soccorso e ai piccoli bus elettrici.