Il Trofeo Sant'Agata slitta al 10 Aprile

Il presidente dell’associazione Sport Club, ente che cura l’organizzazione tecnico e agonistica del trofeo podistico Sant’Agata ha ufficialiazzato dopo una riunione al Comune di Catania, lo slittamento della manifestazione sportiva.

La ragione del rinvio della storica corsa, inserita a pieno titolo nel programma dei festeggiamenti agatini per il prossimo 3 febbraio, è da addebitare a concomitanti impegni di calendario di molti atleti e di alcuni ritardi burocratici.

I rappresentanti dello Sport Club hanno dunque concordato con il Comune di Catania, il quale aveva già approntato la propria macchina organizzativa, che il Trofeo podistico Sant’Agata quest’anno si svolgerà il prossimo 10 Aprile.

Caltagirone, via libera alla riassegnazione dei loculi abbandonati

Via libera del Consiglio comunale di Caltagirone alla riassegnazione e al restauro delle cappelle, dei monumentini e dei loculi che, all’interno del camposanto, si trovino in condizioni di degrado e di abbandono e per i quali venga dichiarata la decadenza degli eredi degli originari aventi diritto.

“Doppia – commenta l’assessore ai Servizi cimiteriali Vincenzo Di Stefano – la valenza del provvedimento: il recupero di un importante patrimonio artistico all’interno di quel gioiello architettonico che è il cimitero  e la possibilità di tornare a rendere fruibili loculi inutilizzati”.

Si comincerà con quattro cappelle gentilizie (un centinaio di posti circa). Sarà fatto un apposito bando per informare i cittadini potenzialmente interessati; poi sarà stilata la graduatoria e gli assegnatari dovranno versare un canone di concessione, in parte all’inizio e in parte a conclusione dei lavori.

“Ancora una volta – sottolinea il presidente Fortunato Parisi – il Consiglio ha dato il proprio contributo alla soluzione di un problema sentito, prevedendo una precisa disciplina dei procedimenti per il recupero e il riutilizzo di queste strutture funerarie”.

Mostra fotografica nel sottopasso di via S.Euplio

E’ stata inaugurata il 24 gennaio a Catania, nel sottopasso di Via Sant’Euplio, la mostra fotografica di Giuseppe Lo Presti dedicata al culto di Sant’Agata. E’ stato lo stesso fotografo a restaturare a proprie spese il sottopasso, installando alle pareti lastre ignifughe che contengono le foto, oltre a ripristinare l’impianto di illuminazione. Alle pareti una decina di gigantografie dedicate alla festa di Sant’Agata.

“Questo passaggio pedonale e veicolare – ha detto il sindaco Stancanelli durante la cerimonia di inaugurazione – per anni abbandonato, si presta naturalmente ad essere una sorta di piccola galleria d’arte. Il lavoro di questo giovane freelance catanese è un vero e proprio dono alla città di cultura e di fede che va giustamente valorizzato”.

La Fiera di Sant'Agata si terrà in piazzale Sanzio

La tradizionale fiera di Sant’Agata anche quest’anno si svolgerà regolarmente nello spazio di piazzale Sanzio. Lo rendono noto il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli e l’assessore delle attività produttive Franz Cannizzo al termine di una giornata di incontri e sopralluoghi coi rappresentanti degli ambulanti.

“Piazzale Sanzio – ha osservato il sindaco Stancanelli – è un sito che ha le caratteristiche adatte allo svolgimento del mercato che per i catanesi è un appuntamento tradizionale. Le organizzazioni sindacali hanno mostrato senso di responsabilità evitando di sostenere a oltranza soluzioni impraticabili, come la Villa Bellini, su cui il nostro diniego è risoluto. Ora bisogna mettere in condizione gli uffici per trasformare questa intenzione in un fatto compiuto e sono certo che anche in questo caso ci sarà la disponibilità degli ambulanti che domani s’incontreranno con l’assessore Cannizzo e i funzionari delle attività per le ultime questioni operative”.

Durante la giornata era stata ventilata anche l’ipotesi dello svolgimento della Fiera nella zona del Passiatore, ma dopo un sopralluogo gli stessi commercianti si sono resi conto che la soluzione originaria prospettata dall’Amministrazione era la più conveniente sia per gli esercenti che per i cittadini.

La Fiera di Sant’Agata si svolgerà dall’1 al 6 febbraio, un’ottantina gli operatori che esporranno i propri prodotti. Gli allestimenti saranno curati dai rappresentanti degli ambulanti.

Caltagirone, approvato Piano di Protezione civile

Il Consiglio comunale di Caltagirone ha approvato all’unanimità il piano comunale di protezione civile, redatto dall’ufficio comunale competente (responsabile Massimo Sciuto, dirigente del settore Renzo Giarmanà) in collaborazione con il Dipartimento regionale di Protezione civile – servizio per la provincia di Catania.

“Il piano – sottolinea l’assessore Franco Pace – contiene le indicazioni e prevede le azioni – come l’approntamento dei mezzi e delle strutture operative – necessarie per fronteggiare le emergenze”. Sono allegati ad esso il piano speditivo di protezione civile per il rischio di incendio di interfaccia e quello speditivo di emergenza per il rischio idrogeologico e idraulico.

Il provvedimento varato dal Consiglio era stato esitato favorevolmente dalla III commissione “con l’inclusione di alcuni atti d’indirizzo – spiega il presidente dell’organismo consultivo permanente Sergio Domenica -, fra i quali l’impegno, da parte dell’Amministrazione, a istituire un gruppo tecnico operativo di primo intervento e a istituire il servizio di reperibilità, ma anche a individuare, nella parte alta del centro storico, aree di concentrazione e a collocare appositi cartelli indicatori. Abbiamo lavorato in piena sinergia – aggiunge Domenica – e rilevato pure l’esigenza dell’abbattimento del muro di via Tapinelle per rendere più agevole la viabilità della zona”.

“Il Consiglio – afferma il presidente Fortunato Parisi – ha concretamente contribuito a dotare la nostra città di uno strumento importante per eliminare o contenere i fattori di rischio”.

“Il piano di protezione civile – commenta il sindaco Francesco Pignataro – è una fondamentale opportunità in un settore strategico per la sicurezza della comunità”.

Il piano individua una serie di aree di attesa, ricovero e ammassamento della popolazione. Aree di attesa: Piazzale Apparizione, parcheggio lungo l’ex Circonvallazione di levante, area antistante Istituto tecnico agrario, parcheggio di viale Regina Elena, parcheggio camper San Giovanni, parcheggio San Giovanni, campo di calcio di via Gela, parcheggio lungo la Circonvallazione di ponente, vie Po e Libertini – Largo Ticino, area Poggio Fanales, area adiacente la nuova biblioteca comunale, area ad angolo fra il viale Autonomia e la via La Rosa, piazza Falcone e Borsellino, via Andrea Ferrari e via dei Normanni. Aree di ricovero: campi di calcio e parcheggio di contrada Divisa, parcheggio piscine e locali ex Saprin, piazzale Falcone e Borsellino, campo di calcio Città dei Ragazzi, area lungo la via Cristoforo Colombo, campi di calcio del seminario estivo, area di contrada Montagna. Aree di ammassamento: mercato ortofrutticolo di contrada Molona e area nella zona industriale, in contrada Santa Maria Poggiarelli.