Primo ciclo di disinfestazione anti insetti a Misterbianco

Parte mercoledì primo giugno, il primo ciclo di disinfestazione contro gli insetti come mosche e zanzare particolarmente presenti in estate. Gli interventi saranno fatti nel centro storico di Misterbianco, nei quartieri periferici e alla zona commerciale.

Questo il calendario delle disinfestazioni: primo giugno Misterbianco centro-sud; 2 giugno Misterbianco centro-nord; 3 giugno quartiere periferico di Lineri; 6 giugno Montepalma; 7 giugno Belsito; 8 giugno Serra superiore e inferiore; 9 giugno Madonna degli Ammalati e 10 giugno zona commerciale. Gli interventi di disinfestazione saranno fatti nei parchi, per le strade e nelle aree a verde nelle ore serali (a partire dalle 22).

Il servizio sarà curato dall’ ufficio Ecologia del comune di Misterbianco. Gli altri due cicli saranno fatti dall’11 al 20 luglio e dal 12 al 21 settembre.

Nuovi alloggi presto disponibili a Librino-San Teodoro

Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, assieme all’assessore ai servizi sociali Carlo Pennisi, si recato nel cantiere di viale San Teodoro 16, nei pressi del Poliambulatorio, dove si sta procedendo all’abbattimento del rudere di un immobile che da oltre ventanni giaceva senza alcun requisito di sicurezza.

Si tratta di lavori propedeutici a quelli della realizzazione di diversi immobili per 48 alloggi popolari che verranno completati nel giro di due anni, con un impegno finanziario complessivo di oltre otto milioni di euro.

“Librino oggi più che mai è al centro delle nostre attenzioni – ha osservato il sindaco Stancanelli effettuando una visita nel cantiere assieme al presidente della Municipalità Loredana Gioia e altri consiglieri di municipalità -. In maniera concreta stiamo lavorando per dare uno sbocco concreta alla richiesta di abitazioni che c’è in tutta la città e in particolar modo a Librino. Qui siamo in grado di consegnare ben altri 32 alloggi entro fine anno che ci consentiranno di azzerare la graduatoria redatta dai servizi sociali per coloro, aventi diritto, che sono stati sloggiati dalle abitazioni a causa della cattive condizioni igieniche sanitarie in cui abitavano”.

In materia di case, negli uffici dei servizi sociali è prevista una riunione tecnica sul social housing che sarà presieduta dall’assessore Pennisi, per una risposta di “sistema” al problema dell’alloggio. Il sindaco Stancanelli con gli assessori Pennisi e Sebastiano Arcidiacono hanno incontrato il presidente dell’Ance Andrea Vecchio per delineare le ipotesi operative per palazzo di cemento di viale Moncada, che il sindaco considera un immobile “simbolo” del riscatto di Librino, proposte di lavoro concrete che nei prossimi giorni verranno portate al confronto con le espressioni sociali e istituzionali del quartiere.

Il progetto di viale San Teodoro, oltre all’onere di demolire il vecchio rudere, in dettaglio prevede la realizzazione di un primo corpo scala con 8 alloggi, finanziato con un mutuo dalla cassa depositi e prestiti per circa 2,5 milioni di euro. Con un recente decreto del Ministero per le Infrastrutture e Trasporti, è stata assegnata al Comune di Catania, inoltre, la somma di 5.674.703,96 di euro per la realizzazione di nuovi alloggi sperimentali e progetti speciali per la riduzione del disagio abitativo, con altri due corpi scala di 8 alloggi ciascuno e altri 2 palazzine in altro lotto, sempre a viale San Teodoro, per realizzare altri 24 alloggi.

Viale Mediterraneo chiuso durante la notte per lavori in galleria

Dal 6 al 10 Giugno verranno effettuati interventi di manutenzione straordinaria nel tunnel sotterraneo di Viale Mediterraneo. I lavori vengono eseguiti periodicamente per garantire efficiente transitabilità e sicurezza ai numerosissimi automobilisti che quotidianamente percorrono il raccordo autostradale. Su input del sidnaco Stancanelli, il Comune di Catania, d’intesa con l’ANAS, ha stabilito di fare effettuare gli interventi esclusivamente in turni di lavoro notturni dalle ore 22 alle ore 6 del mattino per evitare disagi agli automobilisti e intralci all’intenso traffico veicolare giornaliero.

Viene istituito, pertanto, il divieto di circolazione in viale Mediterraneo dalle ore 21,00 del 6 Giugno alle ore 07,00 del 7 Giugno; dalle ore 21,00 del 7 Giugno alle ore 07,00 del 8 Giugno; dalle 21,00 dell’8 Giugno alle ore 07,00 del 9 Giugno e dalle ore 21,00 del 9 Giugno alle ore 07,00 del 10 Giugno.

In particolare i lavori interesseranno la corsia Est, in direzione Sud-Nord, da via Vincenzo Giuffrida alla bretella di via Colle del Pino e il viale Odorico da Pordenone, corsia Sud, direzione Ovest-Est, bretella di collegamento da viale Odorico da Pordenone a viale Mediterraneo. I lavori verranno evidenziati da adeguata segnaletica che l’Anas sta predisponendo sul posto insieme al Comune, mentre l’area del cantiere verrà presidiata dalla polizia municipale.

Caltagirone, no all'ATO unico per i rifiuti

Il Consiglio comunale di Caltagirone, con le altre municipaltà del comprensorio, dice no all’accentramento su base provinciale della gestione dei rifiuti. E rilancia “l’esigenza di salvaguardare Kalat Ambiente e l’autonomia del Calatino, evitando di far risucchiare questo territorio nel calderone dei debiti e dei disservizi del Catanese”. Lo fa incardinando il provvedimento relativo alla  costituzione dell’Ato unico, ma rinviando – all’unanimità – la discussione sui contenuti e il voto al 20 giugno. Nel frattempo, parte (primo incontro fra i sindaci, i presidenti dei consigli e i responsabili dei gruppi nei vari consigli comunali del comprensorio fissato per venerdì 3 giugno, alle 17,30, al municipio di Caltagirone) la serie di riunioni per redigere uno schema di statuto (da far approvare a tutti e 15 i consigli) con previsioni “che tutelino l’esperienza positiva del Calatino per ciò che attiene sia al sistema di raccolta (con le alte percentuali di differenziata raggiunte), sia alle importanti infrastrutture (impianti di compostaggio e della frazione secca, ma anche un terreno di 70mila metri quadrati)”.

Prova di unità, quella offerta ieri sera dal Consiglio comunale di Caltagirone. Prima il sindaco Francesco Pignataro illustra le iniziative in atto, “che vedono insieme i comuni del  comprensorio per giungere a uno statuto che garantisca il nostro territorio ed eviti la sottrazione degli importanti impianti di cui esso dispone e le conseguenti, negative ricadute occupazionali”.

Poi i consiglieri: il capogruppo Mpa Francesco Failla definisce una “grave iattura l’inserimento nel calderone provinciale” e propone, “come extrema ratio”, anche l’ipotesi di un ingresso del Calatino “in un Ato più piccolo e potenzialmente più virtuoso come quello di Ragusa”.

Claudio De Pasquale (Fds) e Sergio Domenica (Pdl), pur dicendosi favorevoli alla salvaguardia del territorio, esprimono perplessità sul percorso indicato, poi comunque superate col sì al provvedimento. Il presidente Fortunato Parisi ricorda che “quella in atto è una battaglia importantissima per la tutela dell’intero territorio, che richiede la maggiore unità d’intenti possibile”. Un appello “al senso di responsabilità di tutti, dato che la posta in gioco è altissima e che bisogna frenare il grave processo di depauperamento in atto nei confronti del Calatino”, giunge dal capogruppo dell’Unione, Giacomo Pulvirenti. Il vicepresidente Francesco Aleo invita ciascuno “a dismettere eventuali panni di parte e ad indossare quelli di difensore dei cittadini. Oggi più che mai bisogna lottare contro ogni ulteriore e ingiustificato ridimensionamento del Calatino”.

Infine, l’ok unanime al rinvio della trattazione dell’argomento, con il fitto calendario di appuntamenti per giungere, il 20 giugno (data, questa, a cui è stata aggiornata la seduta), all’approvazione di un diverso statuto.

 

Disinfestazione contro mosche e zanzare a Scicli

L’ufficio ecologia del Comune di Scicli rende noto il programma della disinfestazione contro mosche, zanzare, che sarà effettuato da mezzanotte alle sei del mattino.

Il 20 e 21 giugno sarà disinfestato il centro storico di Scicli; il 22 Jungi, Genovese, Zagarone; il 23 Donnalucata, Playa Grande, Spinello, Dammusi, Palazzola, Palo Rosso, Palo Bianco; il 24 Cava d’Aliga, Bruca, Arizza; il 25 Sampieri, Pisciotto e altre zone particolarmente infestate.

Nei giorni scorsi è stata espletata la gara per l’acquisto del disinfestante che sarà consegnato la prossima settimana. Il servizio sarà effettuato con personale comunale.