I pionieri/2: Pina Giglio

Subito dopo la guerra, la pallacanestro femminile a Catania fu ripresa dal Centro Universitario Sportivo. La squadra del CUS era protagonista ai tornei di Coppa Sicilia, in Promozione e in I Divisione. La squadra contava, tra le altre, su Pina Giglio: «Ero una delle più alte e giocavo all’attacco, come pivot» ci racconta, oltre cinquant’anni dopo il suo ritiro. Il basket del dopoguerra era leggermente differente da quello di oggi e già lo si intuisce quando si parla del ruolo in “attacco”.
Approfondisci

La rinascita del Cus: Gaetano Russo

Per sua scelta, è lontano dai parquet della Serie C da più di tre anni, dopo aver dato tanto al Gad Etna, al Cus Catania e allo Sport Club Gravina. Oggi, Gaetano Russo si occupa del centro di addestramento dei giovani cestisti del Centro Universitario Sportivo e attraverso loro punta al rilancio della pallacanestro a Catania: «quest’anno è stato avviato un progetto che in futuro dovrebbe portarci in alto. Proprio attraverso il settore giovanile noi creeremo la base per costruire una piramide solida, sulla cui vetta poggerà il Gad Etna.» Approfondisci